“Questione d’incastri”: una giornata dedicata all’affido familiare

In programma anche l'inaugurazione del murale di Mister Thoms

Uno scorcio del murale "Questione d'incastri"
Share

Pubblicato ore 12:00

LIVORNO – Sensibilizzare la comunità e richiamarne l’attenzione sui temi dell’affido e dell’accoglienza familiare: è questa la sfida che Uovo alla Pop e il Centro Affidi di Livorno hanno raccolto portando in città il grande e colorato murale di Mister Thoms, uno dei più conosciuti street artist italiani.

Il murale, realizzato sul muro esterno della pista di pattinaggio di viale Nazario Sauro, sarà inaugurato ufficialmente proprio il primo giorno del mese dedicato all’affido, oggi, sabato 1° ottobre, nell’ambito delle iniziative dell’Affido Day con ritrovo alle ore 18:30.

L’intento della giornata è quello di far conoscere la forma di solidarietà sociale dell’affido familiare, il percorso temporaneo che permette a bambini e ragazzi di trovare una famiglia in più sulla quale fare affidamento e di potersi ricongiungere alle famiglie d’origine quando queste possono nuovamente prendersi cura di loro.

Irene Pietra Caprina è la responsabile del Centro Affidi del Comune di Livorno per la zona livornese, che comprende i Comuni di Livorno, Collesalvetti e Capraia: “La nostra è una città generosa, al momento gestiamo 64 affidi e nell’ultimo anno si sono aggiunte una decina di nuove famiglie eppure, nonostante tanta partecipazione, il numero di affidi non è ancora tornato ai livelli pre-pandemia e anche per questo è importante stimolare la spinta all’accoglienza familiare – spiega Pietra Caprina –. Ci preme ricordare come l’affido sia un’azione che può essere intrapresa da tutti: non è necessario essere eroi, persone speciali o avere requisiti particolari. Bastano la generosità e la voglia di mettersi in gioco. Come ci piace dire: si può fare”.

Gli appuntamenti

Alle ore 16 al Cisternino di città si terrà una conferenza aperta alla cittadinanza dal titolo “L’accoglienza familiare: una questione d’incastri e partecipazione”. Apertura e presentazione a cura del Centro Affidi del Comune di Livorno. Saranno presenti Luciano Trovato, presidente del Tribunale dei Minorenni di Firenze, l’associazione delle famiglie affidatarie Famiglia Aperta e gli studenti dell’indirizzo sociale del Liceo Cecioni che racconteranno il loro incontro con la fragilità familiare e il sistema di aiuto con cui si sono confrontati. Alla conferenza saranno presenti anche lo stesso street artist Mister Thoms, Uovo alla Pop e alcune delle famiglie protagoniste che racconteranno le proprie esperienze di affido.

Alle ore 17:30 partirà dallo stesso Cisternino di città il “Tour dei murales sociali di Livorno” a bordo del City Sightseeing Bus: Viola Barbara di Uovo alla Pop accompagnerà i presenti lungo viaggio gratuito fra i murales cittadini a tema sociale, mostrando l’impatto e la forza espressiva che le immagini riescono a conquistare quando possono parlare attraverso i muri. Tappa finale sarà viale Nazario Sauro, all’altezza della pista di pattinaggio artistico “La Stella”, per l’inaugurazione del murale di Mister Thoms (per prenotare il tour gratuito scrivere a centroaffidi@comune.livorno.it).

Alle 18.30 è prevista l’inaugurazione del murale “Questione di incastri”, con taglio del nastro e brindisi in loco offerto da Sa.Ba. Bevande. Le vernici per il murale, invece, sono state offerte da Cromology. L’opera è realizzata con il contributo di due studentesse dell’indirizzo artistico del Liceo Cecioni e con la collaboratrice di Uovo alla Pop Sara Paltenghi.

Il murale

Come nel cammino lungo la strada dell’affido, nell’opera di Mister Thoms (la cui mostra personale “Incastri” è in corso fino al 15 ottobre alla galleria Uovo alla Pop. Leggi qui l’articolo) ci sono tanti pezzi che si susseguono in un frenetico gioco di incastri, errori, cadute, tentativi alla ricerca del pezzo giusto. Un quotidiano fatto di ritmi diversi dove ci si conosce mano a mano, ci si aiuta a crescere e ci si affida l’un l’altro con dolcezza, apertura e spirito di accoglienza.

Un murale lungo 60 metri, vivace e ricco, fatto di sorrisi, di bambini e pupazzi che si confondono, di mamme, babbi e figli che superano i propri ruoli definiti e si lasciano guidare dalla curiosità, dall’amore, perdendosi e ritrovandosi dentro a una centrifuga di emozioni. Equilibri delicatissimi da maneggiare con cura e con gioia. Attraverso il colore e il movimento il muro smette di essere muro e diventa una porta da attraversare per aprirsi all’altro e il murale diventa una sorta di storia-non storia che cattura e si lascia guardare, filmare, fotografare. Un invito a farne parte, contribuendo a trovare l’incastro giusto, la soluzione che avvicini ogni bambino alla sua seconda famiglia, lasciandolo legato alla prima.

Mister Thoms

Mister Thoms, alias Diego della Posta, è un artista poliedrico che si esprime attraverso la street art, la pittura, l’illustrazione e la grafica in equilibrio tra l’ironia e la denuncia sociale. Ha una grande conoscenza sia dell’architettura che del linguaggio del corpo che gli permette di cogliere l’essenza dei suoi personaggi e trascriverla sui muri. La sua più grande abilità è la capacità di rappresentare il movimento. Ha iniziato la sua attività nel 1996, trovando ispirazione attraverso diversi tipi di mezzi e contenuti con uno sguardo particolare allo stile dei pittori surrealisti. Nato nel 1979 a Roma, dove ha studiato grafica e pittura all’Accademia di Belle Arti, lavora come scenografo per il cinema e il teatro e come illustratore di animazioni per il cinema e la televisione. La sua arte è presente nei circuiti internazionali di gallerie e musei; ha partecipato a festival di scrittura e street art e ha realizzato pareti in Italia, Danimarca, California, Portogallo e Spagna.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*