La musica di Strauss alla Goldonetta con “Enoch Arden”

Protagonisti Dario Garofalo e Carlo Palese

Enoch Arden
Carlo Palese e Dario Garofalo
Share

LIVORNO – “Enoch Arden” è il titolo di un poema in versi musicato dal compositore tedesco Richard Strauss alla fine dell’800 e che si basa sul testo di Alfred Tennyson del 1864, un autentico bestseller dell’epoca. In occasione del nuovo appuntamento, il terzo, di “Classica con gusto” sarà possibile ascoltare questa storia di mare e di amore, romantica e commovente, sul palco della Godonetta, questa sera, giovedì 8 marzo, alle ore 21.

Protagonisti della serata l’attore, autore e regista Dario Garofalo, che ha personalmente curato l’adattamento in prosa dell’opera con la traduzione poetica di Carlo Faccioli ed il pianista Carlo Palese, artista premiato in importanti concorsi pianistici internazionali e con un’attività concertistica che lo ha portato in vari paesi europei e negli U.S.A. nonché in Italia, sia in veste di solista che in formazioni cameristiche con collaborazioni con artisti di prestigio

“In “Enoch Arden” si intersecano molti temi “eterni” – spiega Palese che insieme a Manicagli Pianoforte hanno collaborato alla rassegna con la Fondazione Goldoni – il viaggio, il ritorno, il mare, gli affetti, il senso della famiglia e l’agire per amore degli altri. Strauss ne fece un melologo per voce sola e pianoforte, cioè un’opera che fonde recitazione e musica. Così, i casi della vita di Enoch ed il suo travagliato amore per Annie, diventarono grazie alla musica quadri pittorici di grande intensità emotiva. Strauss seppe fondere con ritmo cadenzato ed ipnotico i versi di Tennyson producendo miracolose suggestioni. Personaggi e situazioni vengono caratterizzate da precisi temi musicali, veri e propri leit-motiv che affiancano la lettura del poema.

Come di consueto, la serata si concluderà con il buffet finale offerto dagli organizzatori.

Biglietti ancora disponibili (posto unico numerato € 10) presso il botteghino del Goldoni (tel. 0586 204290) il martedì e giovedì ore 10–13, mercoledì, venerdì e sabato ore 17 – 20.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*