Viaggio nella bella Italia, Canale di Tenno un salto nel passato

Un gruppo di case aggrappate con tenacia alla collina

Viaggi lungo i confini d'Italia, Canale di Tenno
Il meraviglioso lago di Canale di Tenno
Share
  • di Patrizia Caporali

Pochi chilometri da Riva del Garda ed ecco spegnersi ogni traccia di mondanità e accendersi il Medioevo. Siamo a Canale di Tenno la cui esistenza viene testimoniata già da un primo documento dell’anno 1211.

Viaggi lungo i confini d'Italia, Canale di Tenno
Le case del borgo

Un gruppo di case aggrappate con tenacia alla collina, costruite quando ancora si viveva di agricoltura e pastorizia, un luogo che mostra tutto l’impegno degli uomini nel combattere la scabrosità del territorio e convivere con la natura nel rispetto, senza stravolgerla selvaggiamente come oggi accade.

Case affrescate e vicoli stretti

A Canale di Tenno tutto sa di quei materiali poveri che hanno saputo vincere l’usura del tempo per giungere integri fino a noi: la pietra, il legno, il ferro. Qui il colore dominante è il grigio delle pietre, dei vicoli stretti, delle volte, dei sottopassi, delle case talvolta affrescate, dai ballatoi decorati con fiori, pannocchie secche e bandiere. E poi l’esplosione del verde intenso delle montagne che sembrano difendere gelosamente il minuscolo borgo. Il tempo e la sorte, comune a tanti piccoli nuclei, hanno reso il luogo un paese fantasma per un lungo periodo.

Riscoperto, valorizzato e trasformato in un autentico museo all’aperto, oggi presenta ancora l’impianto urbanistico originario, con le due vie principali che si incrociano per formare una piccolissima piazzetta, come in quadro d’altri tempi.

Viaggi lungo i confini d'Italia, Canale di Tenno
La Casa degli Artisti

La Casa degli Artisti

È negli anni ’60 che il pittore Giacomo Vittone, insieme a un brillante gruppo di artisti, decide di recuperare tanta bellezza e riportare un po’ di vita tra i pochi abitanti, fondando La Casa degli Artisti, come luogo di dimora e ritrovo per gli artisti di passaggio dove, a ogni pittore era richiesto di lasciare il proprio contributo donando un’opera alla casa-museo per l’esposizione.

La struttura, oggi centro di produzione artistica che ospita corsi, mostre, concerti, insieme il Museo degli Attrezzi Agricoli, testimonianza della locale cultura contadina, è uno dei siti di attrazione di tanti turisti, anche stranieri, che si vanno ad aggiungere ai circa cinquanta abitanti residenti stabilmente a Canale.

L’anima medievale

Ormai il piccolo borgo dall’anima medievale, è diventato meta ambita di tante persone che vogliono concedersi il privilegio della tranquillità o che arrivano durante le diverse manifestazioni organizzate per valorizzarne la bellezza, l’arte e i prodotti enogastronomici.

Viaggi lungo i confini d'Italia, Canale di Tenno
Uno scorcio del paese

Una delle occasioni estive è il Rustico Medioevo che si svolge nelle prime settimane di agosto, per ricordare e mettere in scena i momenti più caratteristici della vita medioevale, mentre nel periodo invernale le vie del borgo si animano con uno dei più suggestivi mercatini di Natale.

Ma sempre Canale di Tenno è un paese magico dal fascino antico, dove sembra di vivere fuori dal tempo, dove è bello perdersi nei suoi vicoli segnati da cartelli con versi e frasi medievali, ascoltando solo il rumore dei propri passi, magari immaginando di incontrare un mercante dell’epoca o qualche frate alla ricerca di un’elemosina.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*