L’eleganza dei fenicotteri rosa nel traffico di Milano

A Villa Invernizzi è possibile scorgere questi bellissimi volatili

  • di Patrizia Caporali

Quando si dice che Milano è una città sorprendente, possiamo immaginare fantasiosamente chissà che cosa, ma difficilmente possiamo credere di trovare una colonia di fenicotteri rosa in un angolo nascosto della moderna metropoli!

Villa Invernizzi ospita i fenicotteri rosa
Villa Invernizzi

Invece è proprio così. All’interno di Villa Invernizzi, in quel Quadrilatero del Silenzio dove i rumori del traffico cittadino svaniscono quasi per magia, ecco apparire un parco e una piscina dove convivono due diverse specie di fenicotteri rosa, i Phoenicopterus roseum e i Phoenicopterus chilensis, entrambi nati i cattività.

Alcuni esemplari sono piuttosto longevi, contano più di 25 anni, e sono nati dai primi arrivati qui dal Cile e dall’Africa intorno al 1980, pochi anni dopo che Cavalier Invernizzi, imprenditore dei latticini, aveva deciso di acquistare un palazzo adiacente alla villa, poi demolito, per creare questa suggestiva quanto insolita oasi.
Lui stesso, appassionato di questi incantevoli uccelli, passava tante ore ad ammirarli attraverso la grande vetrata del suo studio.

Di generazione in generazione hanno continuato ad abitare nel giardino, a riprodursi, curati e tutelati secondo le volontà testamentarie dei coniugi Invernizzi, fino a diventare un piccolo e silenzioso stormo che si ciba di crostacei e vitamine utili a mantenersi in buona della salute e ad avere uno splendido piumaggio.

I fenicotteri eleganti di villa invernizzi a milanoSbirciando attraverso le inferriate della villa, i fenicotteri sembrano quasi un miraggio: passeggiano con un’andatura aggraziata, starnazzano, talvolta intraprendono scaramucce a colpi di becco oppure dormono beatamente in equilibrio su una sola zampa.

E non sembra abbiano la benché minima intenzione di volare via, forse perché tenendone costantemente regolata la lunghezza delle penne alari è quasi impossibile il decollo e poi, qualcuno aggiunge, pare siano golosissimi del pastone a base di gamberetti, microorganismi e granaglie. Come possono allontanarsi da questo paradiso?

La grande villa, esempio trionfante dello stile liberty, seppure convertita in fondazione, purtroppo non è visitabile. Ma per rimanere incantati, è sufficiente ciò che si può ammirare attraverso il maestoso cancello: quel tocco di rosa in mezzo al verde intenso della vegetazione offre uno spettacolo insolito e di un’eleganza davvero singolare.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*