Il Padiglione dei Colori è un colpo d’occhio stupefacente

Enormi balle poggiate a una parete e un grande arazzo

biennale 2017 padiglione colori
Sheila Hicks. Foto: Andrea Avezzù
Share

VENEZIA – Il Padiglione dei Colori come dice la parola stessa è un trionfo di colori. A colpire è soprattutto l’enorme parete sulla quale trovano posto un insieme di balle di fibra colorate, ammassate una accanto all’altra come se fossero enormi cuscini. È l’istallazione dell’americana Sheila Hicks che definisce le sue opere “tessiture senza pregiudizi” nel senso che sono un po’ tutto: design, artigianato, architettura. Un vero e proprio trionfo di colori, un colpo d’occhio che è davvero stupefacente.

Accanto a questo, trova posto, il grande arazzo dell’artista malese Abdoulaye Konaté, un lavoro di 7 metri di lunghezza per 2 metri e mezzo di altezza. L’arazzo fa parte di un’istallazione che comprende vari oggetti del Brasile che qui assumono il compito di amuleti, troviamo un pallone da calcio, una sedia, un diario di viaggio.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*