Biennale 2017: l’Ungheria parla di “Pace sulla Terra”

L'artista muove una critica verso i numerosi conflitti bellici

biennale 2017
Share

VENEZIA – Alla 57esima Biennale d’Arte di Venezia l’Ungheria si presenta con le installazioni dell’artista Gyula Várnai. Il progetto dal titolo “Peace on earth” (Pace sulla Terra) intende muovere una critica nei confronti del mondo intero perché siamo sempre più preoccupati per il futuro della Terra a causa di numerosi eventi che mettono in discussione quelli che sono alcuni dei principi fondamentali. In un mondo caratterizzato ma molteplici conflitti, la pace sembra sempre più utopica e inaccessibile, nonostante questo, da un punto di vista storico, viviamo nel periodo più pacifico dell’umanità.

Attraverso i suoi lavori, l’artista evoca le idee della “futuroligia” e delle utopie del passato e le confronta con le sfide del presente. Ecco infatti che tra le opere di Várnai il visitatore trova macchinari assemblati, il ruolo svolto dalla macchina e, di particolare interesse, l’intallazione dell’arcobaleno realizzata utilizzando tante piccole spille.

 

Foto: Andrea Avezzù, Italo Rondinella, Francesco Galli, Jacopo Salvi
Gentilmente concesse dalla Biennale di Venezia

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*