Biennale 2017: Singapore ricorda gli uomini del mare

Una grossa imbarcazione è posta al centro in ricordo del re malese

Share

VENEZIA – Il padiglione del Singapore è stato affidato a Zai Kuning, con il titolo di “Dapunta Hyang: Transmission of Knowledge” (Dapunta Hyang: trasmissione di conoscenza). Nel padiglione ciò che maggiormente attira l’attenzione del visitatore è una grossa imbarcazione realizzata con cera di api e con corda. La barca che misura 17 metri ha il compito di mantenere vivo il ricordo degli uomini del mare, in particolare di Dapunta Hyang, re malese del regno di Srivijava, ormai quasi dimenticato.

Su una parete poi sono appesi ritratti fotografici di artisti viventi appartenenti alla tradizione operistica chiamata mak yong, un tempo molto diffusa nelle terre di Dapunta Hyang  e che ora è sull’orlo della scomparsa, sostenuta solo da pochi maestri rimasti.

Foto: Andrea Avezzù, Italo Rondinella, Francesco Galli, Jacopo Salvi.

Gentilmente concesse dalla Biennale di Venezia.

A cura della redazione

 

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*