“Un Flauto all’opera” debutta al Goldoni

Un progetto didattico giunto al suo settimo anno

Livorno, Teatro Goldoni Livorno “Il flauto magico” Foto Augusto Bizzi
Share

LIVORNO – Questa sera al Teatro Goldoni andrà in scena “Un Flauto all’opera“, progetto didattico giunto al suo settimo anno, promosso dal Circolo Didattico Carducci e coordinato da Paola Geri e Maria Grazia Piombanti. La messa in scena di “Un Flauto all’opera”, si inserisce nella programmazione della rassegna Open-laboratori in scena organizzata dalla Fondazione Goldoni. Lo spettacolo di stasera coinvolgerà 300 piccoli attori e musicisti.

È  il terzo momento di vita di questa meravigliosa opera mozartiana, curata dal regista Lindsay Kemp e culminata con le rappresentazioni andate in scena l’11 e il 13 novembre e seguita dalla matinée del 14 novembre, riservata alle scuole primarie della città per la quale il Circolo Didattico Carducci di Livorno, ha messo a disposizione i docenti specialisti che sono intervenuti nelle 40 classi aderenti al progetto. Più di 800 bambini della città hanno potuto fare la loro prima esperienza da “spettattori” di opera lirica e questo, oggi può essere considerato un successo formativo a tutto tondo.

Più che mai i piccoli hanno bisogno di riscoprire le nostre radici culturali e di comprendere quanto la cultura sia il patrimonio più importante da possedere e tramandare. Partner del progetto l’editore Sillabe che ha stampato e distribuito il librettino de Il Flauto magico interamente scritto e illustrato dai bambini delle classi quarte del plesso di Antignano, coordinate dall’insegnante Angela Volandri.

Lo spettacolo di stasera si arricchisce di una grande novità: sarà presente un’intera orchestra digitale, frutto di un progetto realizzato grazie al finanziamento che la Fondazione Livorno ha riservato al Circolo Didattico Carducci. Si tratta di una novità assoluta in Toscana e la scuola primaria di Antignano è orgogliosa poter custodire un simile gioiello. Si tratta di 16 tastiere gestite da un computer e da un sofisticatissimo software che Sergio Brunetti programmerà assegnando a ciascuna di esse i suoni di tutti gli strumenti dell’orchestra; saranno proprio i bambini a farne apprezzare le meraviglie diretti da Francesco Del Zoppo, Luciano Del Santo e Sergio Innocenti.

Sul palco del Teatro Goldoni, saliranno William Hernandez nel ruolo di Papageno, Nicola Vocaturo in quello di Tamino, Barbara Luccini interpreterà il ruolo di Pamina, Federico Bulletti sarà Monostatos, Elisabetta Lombardo in Papagena. E ancora Margherita Carnicelli, Martina Niccolini, Agnese Casarosa saranno i tre geni che insieme alle dame Rosanna Mazzi, Sara Zenti e Alice Schiasselloni, preparati e diretti da Marisol Carballo ci offriranno le straordinarie melodie del capolavoro mozartiano più amato dai bambini. Al pianoforte per il secondo anno l’applauditissimo Flavio Fiorini il quale, oltre alle splendide doti di pianista, ha dimostrato una particolare sensibilità ed attenzione all’interazione con i piccoli interpreti.

Ore 20, al Teatro Goldoni.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*