Basket. Protesta dei Rebels Pielle Curva Sud: “Al derby non entriamo”

Ingiustificato l'aumento del prezzo del biglietto

Basket. Le squadre labroniche di serie C Gold e Silver, scaldano i motori
Share

Pubblicato ore 14:00

LIVORNO – I Rebels Pielle Curva sud (la pagina pubblica ufficiale della tifoseria della Pielle – Pallacanestro Livorno) pubblicano un comunicato relativo al derby del 9 gennaio contro Libertas Livorno. Aggiungendo anche un altro commento alla decisione della Libertas di donare tre euro del biglietto in beneficenza.

Ecco cosa scrivono:

NOI IL 9 GENNAIO AL DERBY NON ENTRIAMO (o quando sarà viste le sospensioni in atto).
Riguardo l’ingiustificato aumento del prezzo del biglietto da parte della società Libertas, prima di tutto è bene fare un po’ di chiarezza :

1) Se il prezzo del biglietto è paritario alla partita di coppa, vuol dire che è la seconda volta che si aumenta il prezzo solo in occasione di ogni incontro con la Pielle e questo già non è accettabile.

2) I costi raddoppiati rispetto ad un normale fine settimana diviso con la Pielle, è una completa inesattezza in quanto almeno sino alla data del “derby” sono sostenuti dal Comune di Livorno e rimborsati in seguito dall’amministrazione.

3) Stewards: solo se considerata partita a rischio dalle autorità competenti può essere richiesto un numero maggior di elementi per la vigilanza. In tal caso il costo per l’integrazione dello staff di 4 o 5 elementi ammonta a poche centinaia di euro. È ovvio che dalla C Silver al PalaModì in campionato nazionale qualche piccolo costo in più da sostenere ci sia.

4) Il problema del riscaldamento ci fa piacere che stia a cuore di chi ospita il match. Non è stato così con l’impianto di aereazione nella partita di settembre, con una temperatura ai limiti della umana sopportabilità, quindi dubitiamo che verrebbe acceso in ogni caso. Questo supportato dal fatto che infatti non è mai stato acceso (forse una sola volta…..)

5) Dichiarare che anche se ci fosse un affluenza come al match di settembre, il risultato sarebbe che le entrate coprirebbero le spese (non concepibile rispetto al punto 2) , e visto che la maggior parte degli spettatori in quell’occasione era di fede Pielle significa che ogni partita casalinga corrisponde ad un vostro tracollo e ci dispiace.
Vogliamo inoltre chiarire che il tacciarci di “poveri” da parte di qualcuno (non parliamo né del presidente tanto meno della dirigenza Libertas) solo per aver affrontato un tema economico è estremamente meschino e offensivo, e non verso di noi ma nei confronti della cittadinanza livornese.
La nostra curva e la nostra tifoseria abbraccia tutti i ceti sociali, presenti nella nostra città, come in tutte le curve d’Italia e se c’è qualcuno che ha delle difficoltà viene aiutato dagli altri. Chi risponde alla nostra sollevazione del problema in questo modo non ha capito proprio nulla.
Detto questo NOI A QUESTO DERBY NON ENTRIAMO. LA CURVA SUD NON DARA’ IL SUO CONSUETO SPETTACOLO.
Per concludere e per aiutare chi non capisce che la nostra non è una mera protesta per qualche euro, ma una mancanza di rispetto nei confronti di tutti (non solo nei confronti dei tifosi biancoazzurri) organizzeremo una raccolta al fine di devolvere la somma in beneficenza.
Visto che la beneficenza la facciamo a chi la merita.
Ad ora per noi le cose stanno così”.

E aggiungono:
“Non vogliamo sconti, riduzioni solo per noi o versamenti a fin di bene a nostro nome. Il dibattito è più ampio. Non riguarda solo noi.
Donare una parte del biglietto di una parte degli spettatori che non ci sarà ci sembra un eccezionale volo pindarico, che non invoglia a tornare sulle proprie decisioni.
Le malelingue alle quali non vogliamo dare credito, lo trovano un acrobatico arrampicarsi sugli specchi, per riparare il ripetersi di un clamoroso errore, nonché frutto di un semplice calcolo di convenienza.
Alla beneficenza ci pensiamo noi”.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*