Atleti uniti nel nome dello sport per una serata “strabiliante” agli Hangar Creativi

Oggi ultimo giorno della manifestazione

Il finale della serata. Foto: Glauco Fallani
Share

Pubblicato ore 07:00

  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – “Strabilianti” ha dato una grandissima opportunità ai livornesi, quella di conoscere un lato dello sport capace di stupire, di far riflettere e di far comprendere che non esistono cose impossibili. Nella serata di ieri, 16 settembre, agli Hangar Creativi (ex deposito ATL) tutto ciò che faceva parte del “non si può fare” si è scoperto che “si può fare” e anche con ottimi risultati.

Nel deposito di via Carlo Meyer, davanti a un bel pubblico, i giovani atleti portatori di disabilità e gli atleti paralimpici sono andati a braccetto con gli atleti olimpici. “Paralimpico – ha detto Emanuele Lambertini, giovane promessa della scherma paralimpica italiana – non c’entra niente con la paraplegia che colpisce alcuni di noi, paralimpico vuol dire parallelo rispetto all’olimpico, non più indietro, non più avanti. Un percorso da fare insieme, come una grande famiglia”.

E ieri sera questo percorso è stato fatto insieme con i giovani e con Emanuele, Giulia Ghiretti (campionessa paralimpica di nuoto), Matteo Panariello (arciere livornese non vedente, medaglia d’oro ai campionati europei paraolimpici 2018), Gabriele Detti (nuotatore livornese, doppio bronzo olimpico ai Giochi di Rio de Janeiro 2016 e campione del mondo degli 800 m stile libero nel 2017), Giulia Quintavalle (vincitrice della medaglia d’oro alle Olimpiadi di Pechino del 2008 nella categoria 57 kg, la prima conquistata dall’Italia nel judo femminile), Simone Ciulli (nuotatore, vincitore della medaglia d’argento nella staffetta 4×100 m 34 punti ai Giochi paralimpici di Tokyo 2020), Roberto Cammarelle (pugile, medaglia d’oro ai Giochi di Pechino del 2008) e Aldo Montano (livornese, ex schermidore campione olimpico individuale ai Giochi olimpici di Atene 2004, medaglia di bronzo nella sciabola a squadre alle olimpiadi di Pechino 2008). Tutti loro vengono chiamati a premiare i giovani atleti nel corso della serata.

Ma partiamo dall’inizio, a dare il via alla serata è stato il tenore Tiziano Barontini che ha cantato l’Inno di Mameli, poi sono arrivati i conduttori l’attrice Daniela Morozzi e il giornalista sportivo Marco Mazzocchi che, con grande simpatia, hanno chiamato sul palco il sindaco Luca Salvetti, Giulia Aringhieri pallavolista livornese della Nazionale italiana di Sitting Volley e vicepresidente di “Strabilianti” e il questore Roberto Massucci.

“Una manifestazione che abbiamo voluto tantissimo – ha detto Salvetti – durante le Olimpiadi abbiamo esultato per le vittorie dei nostri atleti, poi sono iniziate le paralimpiadi e abbiamo esultato lo stesso e questo non avveniva nelle edizioni precedenti così abbiamo iniziato a riflettere insieme a un po’ di atleti abbiamo detto che Livorno poteva essere il luogo ideale per questo progetto, è nato così qualcosa di davvero strabiliante; inoltre abbiamo così recuperato un luogo come gli Hangar Creativi che hanno un grande valore”. Grande emozione da parte di Giulia che ha detto: “È incredibile, da una semplice idea su un foglio di carta, siamo riusciti a realizzare tutto questo”.

Poi sono arrivati i giovani atleti da premiare: i ragazzi under 18 di Toscana Sport; alcuni studenti del Liceo Cecioni che hanno ideato la “Corsa di Gurri” in memoria del loro compagno Gabriele e che, a maggio 2022, ha visto la partecipazione di oltre 300 studenti; la storia di Ahmed detto Said che ha gareggiato ai Mondiali di canottaggio para-rowing e di Vittorio Pasqui vicepresidente di Sportlandia che ha detto: “La soddisfazione è tanta e anche il divertimento. Questi ragazzi ci mettono uno straordinario impegno”; e il giovane pugile arrivato dalla Turchia e preso sotto l’ala protettrice di Lenny Bottai. I ragazzi sono stati premiati con alcune opere realizzate dalla cooperativa Brikke Brakke.

Gli interventi degli atleti

Tra sorrisi  battute gli atleti olimpici e paralimpici hanno espresso le loro emozioni. “Sono salita sul gradino più alto e questo rimarrà nella storia, un’emozione grandissima, strabiliante” ha detto Giulia Quintavalle. Simone Ciulli: “Nella vita bisogna avere sempre un piano A, B, C e non adagiarsi e coltivare le passioni”. Matteo Panariello: “Ho scelto uno sport adatto alla mia disabilità – dice scherzando – uno sport che non credevo all’inizio mi potesse dare queste soddisfazioni e invece”.

Aldo Montano

A metà serata è arrivato il riconoscimento ad Aldo Montano. “Un premio che è anche alla carriera – ha detto Salvetti, che poi ha letto la motivazione: “Per la caparbietà con cui a Tokyo 2020 ha conquistato la quinta olimpiade vincendo una medaglia d’argento“. Montano ha scherzato sullo “0586” (il prefisso telefonico di Livorno) che era il marchio di fabbrica di ogni olimpiade: “Prima sullo striscione, poi sul palmo della mano, poi sul dorso e a Tokyo mi hanno impedito di metterlo”.

Infine, a conclusione della serata, il presidente di “Strabilianti” Michela Castellani e Samanta Ciampi, in rappresentanza della famiglia di Carlo Azeglio Ciampi hanno presentato il Premio “A mente aperta” in memoria dell’ex presidente della Repubblica di cui proprio ieri ricorrevano i sei anni dalla morte. “Carlo Azeglio amava Livorno e ci tornava appena poteva, e amava molto i giovani, per questo abbiamo deciso di ricordarlo con un Premio”.

Ricordiamo che “Strabilianti” è frutto della Fondazione Caponi e dell’APS Sintomi di felicità, in collaborazione con Comune di Livorno, Regione Toscana e Questura di Livorno.

Le foto della serata sono di Glauco Fallani

  • Premiazione di Ahmed detto Said

Oggi la giornata conclusiva (ingresso libero)

Al Campo Magnozzi (Sorgenti) si disputeranno le semifinali e le finali del Torneo Strabilianti (ore 9-12) e alle ore 12 partita della rappresentativa dei calciatori delle 8 squadre partecipanti vs Rappresentativa di amici e ospiti. A seguire le premiazioni dl Torneo di Calcio Strabilianti

Agli Hangar Creativi
Ore 9.00 – 13.00 “Sharing to feed – la condivisione e l’integrazione per imparare“. Ospiti: studenti Scuole della Provincia di Livorno e cittadinanza, società sportive e associazioni.
Relatori e Ospiti:
-Sara Guarducci (Università di Firenze Scienze Motorie): “Lesione midollare e attività fisica adattata. Ricerca scientifica e prospettive future”.
-Rossana Pasquini (Scherma paralimpica).
-Augusto Bizzi (Fotografo CIP e Nazionale Scherma).
-Decathlon.
-Marco Fichera (Scherma Olimpica).
-Daniele Cassioli (contributo video).
-Matteo Panariello (para archery).

Ore 15:00 – 19:00 “La persona oltre l’atleta: vivere, allenare, motivare e crescere nel movimento sportivo come individui“. Racconto del Torneo di Calcio Strabilianti – interviste e video
Ore 16:45 Andrea Raspanti e Valerio Vergili
Associazioni “In Cammino con Noi”: Volare Senz’Ali Livorno, Autismo Livorno, Associazione Persone Down Sezione di Livorno e Famiglie di Livorno: testimonianze inclusive; come lo sport aiuta a far crescere e affrontare le difficoltà del quotidiano.
Proposte e obiettivi per il 2023: saluti e chiusura della manifestazione.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*