“Titanic”: il film dei record, tutte le curiosità

Terzo nella classifica dei film per l'incasso, ebbe un trionfo planetario

titanic curiosità
Kate Winslet e Leonardo Di Caprio
Share

Pubblicato ore 12:00

  • di Gianluca Donati

Nel 1997 uscì nelle sale “Titanic” di James Cameron e fu un trionfo totale. Cameron aveva già girato ottimi film di successo come “Terminator” (1984), “Aliens – Scontro finale” (1986) – sequel di ”Alien” di Ridley Scott – “The abyss” (1989), e “Terminator 2 – Il giorno del giudizio”.

Il budget di “Titanic” fu di 200 milioni di dollari, ai quali vanno sommati altri 85 per la sua promozione e distribuzione. C’è una leggenda che narra che durante le riprese del kolossal, il regista tenesse in tasca una lametta con la scritta: “Usare solo se il film non avrà successo”. Per fortuna sappiamo com’è andata a finire; il film riscosse un trionfo planetario di pubblico con un incasso di 1.850.300.000 di dollari che l’ha piazzato al terzo posto come più grande incasso cinematografico della storia mondiale di sempre. A superare questa posizione, incredibile, è lo stesso Cameron con “Avatar” del 2010 che conquista il secondo posto, mentre il film targato Marvel “Avengers: Endgame” è al primo. “Titanic” conquistò poi numerosi premi, tra i quali, anche ben 11 Oscar, record storico ex – equo con “Ben Hur” di William Wyler del 1959 e “Il Signore degli Anelli – Il ritorno del Re” di Peter Jackson del 2003.

Per il ruolo di Jack Dawson, il protagonista maschile della storia, fu scelto per la gioia delle giovani spettatrici, Leonardo Di Caprio, ma furono considerati al suo posto altri attori altrettanto affascinanti: Brad Pitt, Johnny Depp, Tom Cruise, Christian Bale, Matthew McCounaughey. Se Depp rifiutò la parte, gli altri furono scartati da Cameron perché preferì puntare sul ventitreenne “Leo”. Anche la scelta della protagonista femminile che interpretò il ruolo di Rose, non cadde subito su Kate Winslet, ma furono vagliate: Nicole Kidman, Sharon Stone, Cameron Diaz, Jodie Foster, Madonna, Gwyneth Paltrow. La parte del capitano della nave Edward Smith, era stata proposta addirittura a Robert De Niro che però dovette dare forfait per ragioni di salute.

La colonna sonora fu scritta ed eseguita da James Horner che aveva già collaborato con Cameron in “Aliens – Scontro finale”. Difficile immaginare “Titanic” senza il tormentone “My Heart Will Go On” con la voce di Celine Dion, eppure, sulle prime, il regista era deciso a non inserire canzoni nel film. Fu Horner che compose e incise il brano all’insaputa di Cameron, il quale, quando ascoltò per la prima volta il brano ne restò colpito e decise di inserirlo.

Se il film fu girato su una vera nave, il naufragio fu invece inscenato con una ricostruzione, sommata a delle immagini realizzate con il computer. La scena in cui l’acqua scuote la grande scalinata distruggendola fu reale e poteva essere girata solo una volta perché si sarebbe davvero distrutto tutto. Fortunatamente “andò bene la prima”. Durante le scene d’inondazioni, Kete Winslet fu una dei pochi attori a rifiutare di indossare una muta sotto gli indumenti per proteggersi dal freddo, con il risultato che si prese una polmonite.

Ci sono poi dei dettagli particolari che mostrano una certa ricerca della precisione maniacale del regista. Nella scena conclusiva del film (immaginata dall’anziana protagonista) in cui Rose e Jack s’incontrano alla scalinata, l’orologio segna le 2.20 del mattino, ovvero, l’ora precisa in cui nella realtà è affondato il Titanic. Inoltre la durata del film – considerando soltanto le scene ambientate nel 1912 – è di 2 ore e 40 minuti, precisamente il tempo che impiegò il Titanic per inabissare nell’oceano. Difficile pensare che siano soltanto delle coincidenze.

Vi ricordate, infine, la scena in cui Jack disegna il ritratto di Rose mentre posa nuda? Ebbene, le mani inquadrate dalla macchina da presa, non sono realmente quelle di Leonardo Di Caprio, bensì, del regista James Cameron, che con questo escamotage firmò la pellicola.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*