Rubrica Cinema all’aperto: cosa c’è stasera a Livorno

Tre film tra cui scegliere

Share

La principessa e l’aquila – Arena Fabbricotti. Ore 21..30

Regia di Otto Bell. Un film con Daisy Ridley, Lodovica Comello. Genere documentario – Durata 87 minuti.

Trama: Aishoplan è una ragazzina di tredici anni che, diversamente dalle amiche, non ha mai avuto paura di un’aquila né di arrampicarsi in altissima montagna per catturare il suo personale aquilotto all’indomani dello svezzamento e crescerlo e addestrarlo secondo gli insegnamenti del padre. Incredibilmente dotata e determinata, con il supporto della famiglia, Aishoplan ha scelto di diventare la prima cacciatrice con le aquile di sesso femminile, nonostante il parere contrario di molti anziani della sua comunità.

Il diritto di contare  –  Arena  Ardenza. Ore 21.30

Regia di Theodore Melfi. Con Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kevin Costner, Kirsten Dunst. Titolo originale: Hidden Figures. Genere drammatico – Durata 127 minuti.

Trama: tre donne che si occupano di calcolatori, di geometria analitica, di ingegneria aerospaziale e che decidono di combattere per raggiungere i propri sogni contro la velata ostilità dei colleghi uomini (primo tra tutti Paul Stafford interpretato da Jim Parsons, sì proprio lui, lo Sheldon Cooper della sitcom The Big Bang Theory) e anche delle donne come Vivian Micheal, interpretata da Kristen Dunst (Spiderman e Mona Lisa Smile). Ma per fortuna c’è anche chi, come Al Harrison (Kevi Costner), direttore del gruppo che costruire le navicelle spaziali, riesce a guardare oltre, solo così si può pensare di mandare un uomo nello spazio, sono le parole che ripete a Katherine. Tratto da una storia vera.

Jackie– Arena La Meta. Ore 21.30

Regia di Pablo Larraín. Un film con Natalie Portman, Peter Sarsgaard, Greta Gerwig, Billy Crudup, John Hurt, Richard E. Grant. Genere biografico. Durata 91 minuti.

Trama: John Kennedy è stato assassinato da cinque giorni ormai e i giornalisti si fanno vivi nella residenza della First Lady (Natalie Portman) inondandola di domande sulla tragedia. Lei però sceglie di raccontare la sua storia a Theodore H. White, giornalista della nota rivista “Life”. A lui Jackie narrerà la verità: ciò che ha visto, sentito e provato durante quel tremendo giorno e quelli seguenti.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*