Horror Movies. “Il demone sotto la pelle”, mutazione del corpo

Emerge nel film il filone caro a Cronenberg del genere body horror

il demone sotto la pelle
Un'immagine del film
  • di Valeria Cappelletti:

Oggi per la rubrica Horror Movies, parliamo del film diretto da David CronenbergShivers” (Il demone sotto la pelle) del 1975. Si tratta della terza fatica cinematografica del regista canadese, ritenuto il pioniere del genere cinematografico del body horror ovvero dell’orrore che arriva dalla mutazione e dalla contaminazione del corpo. Questo è un elemento che rappresenta un po’ la firma indistinguibile di Cronenberg e che ritroviamo non solo in “Shivers” ma anche in altre pellicole successive come “The Brood” (Brood – La covata malefica, 1979), “Videodrome” (1983) e “The Fly” (La mosca, 1986).

il demone sotto la pelle
La locandina del film

“Shivers” è ambientato in un palazzo chiamato Arca di Noè posto lontano dalla città, caratterizzato per essere un vero paradiso al rifugio dalla violenza e dai pericoli, con servizi efficenti, in cui i residenti possono trovare ogni confort, ma in realtà quella stessa violenza e quei pericoli si nascondono all’interno dell’edificio stesso: un medico, infatti, effettua alcuni esperimenti utilizzando uno strano parassita, simile a una grossa sanguisuga, che sarebbe in grado di risvegliare istinti sopiti dalla razionalità e decide di impiantarlo nel corpo di una giovane. La ragazza però ha rapporti sessuali con diversi uomini che risiedono nell’edificio e così il parassita transita da un corpo all’altro. Questo essere causa negli individui una forma di pazzia e di violenza inaudita e in poco tempo, come moderni zombi, i contagiati riversano la loro sete di sangue sugli altri inquilini, uccidendoli.

“Shivers” è stata pellicola di ispirazione per altri film successivi, citiamo ad esempio “Demoni 2” di Lamberto Bava, in cui un intero palazzo, dalle tecnologie avanzate e dal quale è impossibile fuggire, viene invaso dai demoni; ma al tempo stesso Cronenberg rivisita il tema dello zombie tanto caro a George Romero.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*