Curiosità dal cinema: il grande successo di “Fantozzi”

Nel ruolo del protagonista furono indicati Renato Pozzetto e Ugo Tognazzi

Paolo Villaggio è Ugo Fantozzi
Share

Pubblicato ore 07:00

di Gianluca Donati

Il personaggio di Ugo Fantozzi è ormai entrato nel mito. Inventato da Paolo Villaggio, esordì nel 1968 in televisione, nella trasmissione “Quelli della domenica”, sotto forma di sketch umoristici raccontati in terza persona.

Nel 1971 il personaggio sarà portato sulla carta stampata in un primo libro da protagonista che vendette oltre un milione di copie. Finalmente nel 1975, fu trasportato per la prima volta sul grande schermo nella pellicola “Fantozzi”. Dopo l’enorme successo del film, furono realizzati ben 9 sequel, ma dell’intera saga, i migliori restano i primi due capitoli diretti da Luciano Salce. È del primo film, che vogliamo raccontarne alcune curiosità.

È impossibile immaginare Fantozzi senza la maschera di Villaggio. Eppure inizialmente l’attore genovese non pensò a interpretare personalmente il ruolo del protagonista, proponendolo all’amico Renato Pozzetto che però rifiutò. Villaggio allora pensò nientemeno che a Ugo Tognazzi, ma anch’egli declinò, allorché Paolo decise di calarsi nel ruolo senza immaginare il successo che avrebbe riscosso il film e il suo personaggio.

Il personaggio di Fantozzi è ispirato a una persona realmente esistente, ed era un collega di Paolo Villaggio, nel periodo in cui l’attore lavorava come impiegato all’Italsider di Genova. Ovviamente Villaggio lavorò sul personaggio, ingigantì ogni cosa, dandoli un taglio paradossale e grottesco.

Nel romanzo la storia si svolge a Genova. Nel film si decise di spostare l’ambientazione a Roma.

Il primo regista chiamato dalla produzione per dirigere il film, fu Salvatore Samperi, ma il progetto sfumò. Dopo il successo del secondo libro sul personaggio, si resuscitò l’idea ma questa volta fu scelto Salce.

Inizialmente Salce aveva pensato che Anna Mazzamauro avrebbe dovuto interpretare il ruolo della signora Pina (moglie di Fantozzi), ma poi Salce – con la sua ironia cinica e tagliente – disse che la Mazzamauro non era “abbastanza brutta per quel ruolo”, e scelse così Liù Bosisio, ma la Mazzamauro rimase nel cast del film nel ruolo della signorina Silvani.

Per la sua interpretazione, Anna Mazzamauro fu candidata per il Nastro d’argento alla migliore attrice non protagonista ai Nastri d’argento 1976.

Plinio Fernando, che nei film della serie di Fantozzi ha recitato il ruolo di Mariangela la terrificante figlia del ragioniere più maltrattato d’Italia, oggi vive e lavora a Roma, ma preferisce studiare pittura e scultura.

“Fantozzi” fu un grande al cinema, incassando più di sei miliardi di lire rimanendo in prima visione per più di otto mesi. Detiene a oggi il 49º posto nella classifica dei film più visti di sempre con 7 755 046 spettatori paganti.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*