Cento storie per bambine ribelli: il libro che racconta la diversità con orgoglio

Da Frida Kahlo a Serena Williams: donne forti, non principesse in attesa del principe azzurro

La copertina del libro e le due autrici
Share

Educare al rispetto della differenza di genere. Fare della propria diversità un motivo di orgoglio. Istigare al sogno senza il timore di essere ritenuti idealisti.

Le autrici Elena Favilli e Francesca Cavallo

Questi e tanti altri insegnamenti sono contenuti nel libro“Storie della buonanotte per bambine ribelli” di Elena Favilli e Francesca Cavallo, due splendide outsiders italiane che, in California, hanno dato forma un progetto davvero ambizioso. Progetto considerato il fenomeno editoriale del momento, in quanto nasce da un esperimento di crowdfunding che, senza alcuna copertura finanziaria di grandi case editrici, ha raccolto cifre considerevoli, ha venduto 90 mila copie in pochi mesi ed è stato tradotto in 12 lingue differenti.

Ma la vera forza delle autrici sta nell’aver scelto di raccontare brevemente e con semplicità la vita di 100 donne straordinarie, prendendo da ognuna un piccolo dettaglio, un aspetto particolare, per farne il fil rouge della narrazione. Le protagoniste sono donne vere, coraggiose, famose e meno famose, non principesse in attesa del principe azzurro ma scrittrici, scienziate, pittrici, sportive, attiviste, donne che hanno combattuto da sole. Sono guerriere che con audacia, determinazione, ribellione hanno scelto di realizzare i propri sogni attraverso il percorso più difficile, graffiando la vita e la cattiva sorte.

Ed ecco delinearsi tanti piccoli ritratti resi ancor più efficaci da 100 illustrazioni e da altrettante frasi che li caratterizzano e prendono per mano il lettore per condurlo dentro la favola, per far capire che anche i sogni più incredibili possono essere tradotti in una bellissima realtà. Basta avere la forza di credere e saper affermare le proprie idee.

Frida Kahlo tra le 100 donne straordinarie

“Storie della buonanotte per bambine ribelli” è un libro di fiabe diverso che seduce, incuriosisce, esorta alla ricerca perché, dopo aver letto la biografia forse poco esaustiva ma sempre intensa, viene il desiderio di sapere qualcosa in più, di conoscere fino a che punto l’intraprendenza è riuscita ad abbattere le avversità per giungere fino al successo. Una galleria di protagoniste come Cleopatra, Jane Austen, Evita Peron, Ipazia, Frida Kahlo,  Marie Curie, Serena Williams, Malala Yousafzai, Margherita Hack, Michelle Obama, Maria Montessori, Coco Chanel e tante altre straordinarie figure femminili, forse meno note ma che comunque hanno affermato la propria personalità contro tutti gli stereotipi di genere, per dimostrare, come dice Rita Levi Montalcini, “di non temere i momenti difficili, perché il meglio viene da lì.

Accolto con grande entusiasmo da un pubblico straordinariamente numeroso, ma anche discusso con toni di polemica da qualcuno, è un libro che apre al dibattito e si innalza contro il pregiudizio e la discriminazione. Goodnight stories for rebel girlsè un dono prezioso per le bambine ma anche per i maschietti, per le donne e per gli uomini, per tutti coloro che vogliono riflettere, che vogliono trovare l’energia di andare avanti, di lottare perché, come nelle favole più belle, “C’era una volta…” ma ci potranno essere ancora molte volte.

 Patrizia  Caporali

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*