Studio Elisi: Marco Acquafredda presenta “Paesaggi, ombre e demoni giapponesi”

La mostra è visitabile nella sola giornata di oggi, 27 gennaio

L'artista Marco Acquafredda. Foto: Glauco Fallani
Share

Pubblicato ore 14:30

  • articolo e foto di Glauco Fallani
  • "Come gli Dei (ombre)" particolare

LIVORNO – Oggi 27 gennaio, per le ormai consuete 10-20 no stop, presso lo Studio Elisi (via Verdi 34) è in corso la mostra “Paesaggi, ombre e demoni giapponesi“.

Si tratta di un complesso di lavori visivi e oggettuali di un artista che opera da lungo tempo nel campo dell’Arte Contemporanea di Ricerca, il senese Marco Acquafredda.

I suoi lavori traggono origine da una volontà di conoscenza che si realizza attraverso un tipo di relazione che si attua secondo modalità che l’artista stesso paragona a quelle utilizzate da un neonato per esplorare il mondo che tocca, manipola, assaggia. Una relazione fisica e psichica dalla quale nascono storie, metafore, parallelismi e interazioni tra la realtà oggettiva e visibile e quella che soggettivamente l’artista percepisce e della quale dà conto con i suoi mezzi espressivi.

Perché raccontare avvenimenti?” è la dichiarazione di intenti dello stesso Acquafredda presente in studio per l’occasione: “Le storie celebrano lo stupefacente stato della vita: essere, morire, per poi rinascere ancora così come ogni idea, risolta o irrisolta che sia, è un passo in avanti, un incedere inarrestabile verso luoghi sconosciuti”.

Di particolare interesse l’opera “Continuum”(mute di serpente pitone plastificata e disegno a china su pellicole per laminazione) partita dalle fragili autentiche spoglie del rettile schiacciate e contorte dal movimento nell’atto di togliersele di dosso e divenuto “doppio” grazie ad un accurato lavoro a china.

“Continuum”

L’impermanenza, la fragilità tanto care al lavoro dell’artista si fanno evidentissime in “Sicumera” (atteggiamento scostante di presuntuosa superiorità), un’evoluzione di vent’anni culminata in un unico definitivo ultimo giorno atto a dare senso compiuto alla logica del lungo accadimento.

“Sicumera”

Le mostre dell’artista

2000
•11 Febbraio – 15 Marzo “In Silenzio”, Marco Acquafredda, Libreria NOVE100, Siena.

2006
•10 Marzo – 29 Settembre, Acquafredda Marco – “Temporaneamente”, Accademia dei Fisiocritici, Piazzetta Silvio Gigli, Siena.
Mostra prorogata fino a giugno 2008.

2010
•26/05-30/06 “Quadro, disegni e argento”, Inner room Fusi&Fusi, Via delle Terme, Siena.
A cura di Federico Fusi.

•18 Giugno – 17 Settembre, “Mirabilia”, Accademia dei Fisiocritici, Piazzetta Silvio Gigli 2, Siena.
Presentazione di Marco Pierini, Luigi Di Corato, Mauro Civai.

2012
•21 Settembre-5 Ottobre “Per ciò che è”, Libreria caffetteria CUBALIBRO, Centro Commerciale Porta Siena, Piazzale Rosselli, Siena.

•27 Ottobre- 30 Novembre “In/ter/capedini”, Libreria “La zona” Via Provenzano Salvani, 8; “Tre Cristi enoteca Ristorante”, Vicolo Provenzano 1/7; Corniceria “La Bottega”Via Cecco Angiolieri, 38, Siena.

2013
•Dal 30 Marzo “Come l’acqua che scorre” dipinti e disegni, Sito dell’Associazione culturale 53100, www.associazioneculturale53100.eu Sezione Rassegne.

•28 Agosto -10 Settembre “Di mille rivoli alcuni” disegni e sculture recenti” Ristoro di Cellole, Loc. Poggio a Issi, San Gimignano.

•10 Novembre “Osmosis” a cura di Alix Janta, Scritto di Martina Marolda, Loc. Chiesa Monti, Villa a Sesta, Castelnuovo Berardenga, 484 Nord Km 12.VIII.

2016
•23 Luglio – 1 Novembre “1 SENSO”, Spazio Se, Rocca d’Orcia (SI).
2017

•31 Luglio – 30Agosto “Le regole del Caos” a cura di Carles Marco, Scriptorium dell’Abbazia di S. Galgano, Chiusdino (SI).

•13 Dicembre – 25 Gennaio “Incubi e miraggi”, lavori recenti, Piccolo Opificio orafo-sartoriale, Via Pantaneto 166, Siena Le precedenti personali dell’Artista.
L’analisi e la divulgazione dei molteplici aspetti dell’Arte contemporanea è oggetto dell’attività espositiva e multimediale che lo Studio Elisi, per fini esclusivamente culturali, svolge da circa un triennio.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*