Rubrica cinema all’aperto: cosa c’è stasera a Livorno

A scelta tra "La signora delle 'ambiali", "Fortunata" e "Oceania"

la signora delle 'ambiali
Un'immagine tratta da "La signora delle 'ambiali"
Share

LIVORNO – Questa sera pronti a ridere a crepapelle con il vernacolo di Giuseppe Pancaccini e la sua “Signora delle ‘ambiali“, appuntamento imperdibile; in alternativa il film d’animazione “Oceania” o l’italiano “Fortunata“, regia di Sergio Castellitto, con Stefano Accorsi e Jasmine Trinca, vincitrice del Premio Nastri d’Argento 2017 come miglior attrice.

La signora delle ‘ambiali” – Arena Fabbricotti. Ore 21.30
La Compagnia le Maschere. Commedia in vernacolo di Giuseppe Pancaccini con Aldo Bagnoli

Trama: la storia ruota attorno da una coppia che vive in un condominio a Livorno. Lei è una casalinga con il vizio frenato per lo shopping che la porta a indebitarsi con i vari negozianti. In particolare con un gioielliere al quale deve 30mila euro, per un bracciale acquistato, da qui si sviluppa tutta la vicenda.

Oceania” – Arena La Meta. ore 21.30
Regia di John Musker, Ron Clements, Don Hall, Chris Williams. Con Auli’i Cravalho, Dwayne Johnson, Rachel House, Temuera Morrison, Nicole Scherzinger. Titolo originale: Moana. Genere animazione. Durata 103 minuti.

Trama: Vaiana è una bambina Maori che ha un amore smisurato per il mare. Un giorno decide di partire per un viaggio in mare aperto, oltre la barriera corallina alla scoperto delle isole del Pacifico, andando contro l’ordine del padre di non superarla. Un viaggio interiore che permetterà alla giovane di ritrovare l’identità dei suoi antenati e di dare al mondo una nuova vita.

Fortunata” – Arena Ardenza. ore 21.30
Regia di Sergio Castellitto. Un film con Jasmine Trinca, Stefano Accorsi, Alessandro Borghi, Edoardo Pesce, Hanna Schygulla. Genere drammatico. Durata 103 minuti.

Trama: Fortunata è una donna piacente di trentanni che, con grandi difficoltà, sta crescendo da sola la figlia Barbara di otto anni in uno dei quartieri più degradati della Capitale. Fortunata lavora in nero andando di casa in casa come apprendista parrucchiera coltivando il sogno di aprire un suo negozio di parrucchiera e conquistare così un minimo di indipendenza economica. Franco, l’ex marito violento che lei ha cacciato da casa, la tormenta con continue visite inaspettate, insulti gratuiti e aggressioni sessuali. Ad un certo punto però si apre uno spiraglio di possibile felicità per Fortunata ed è quando incontra uno psicoterapeuta infantile che si chiama Patrizio a cui è stato affidato dai servizi sociali il sostegno psicologico a Barbara. Attraverso Patrizio, si presenterà a Fortunata l’opportunità per cambiare la propria vita.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*