Firenze. Consegnato il Pegaso d’Oro alla Polizia di Stato

A 170 anni dall'istituzione del Corpo

La consegna del Premio a Lamberto Giannini da parte di Eugenio Giani. Foto: Toscana Notizie
Share

Pubblicato ore 16:00

FIRENZE – Il Pegaso d’Oro quest’anno è stato consegnato alla Polizia di Stato a 170 anni dalla sua istituzione. L’importante riconoscimento, conferito dalla Regione Toscana, valorizza la storia del Corpo istituito nel 1852 col nome di Guardie di Pubblica Sicurezza.

Un riferimento speciale è andato a tre figure illustri della Polizia di Stato cadute nell’esercizio del mandato proprio in terra toscana e fra questi: Giuseppe Cangiano, commissario di pubblica sicurezza a Firenze, ucciso per mano di un anarchico durante alcuni scontri a carattere politico il 29 agosto 1920; Emanuele Petri, sovrintendente della Polizia ferroviaria che nel 2003, sulla tratta ferroviaria Roma – Firenze ucciso dalle Brigate Rosse a seguito di un normale controllo di documenti; Fausto Dionisi, agente della Polizia di Stato, ucciso durante un fallito tentativo di alcuni militanti di Prima Linea, che volevano far evadere alcuni detenuti dal carcere delle Murate a Firenze.

La cerimonia del conferimento si è svolta a Firenze preso l’Educandato della Santissima Annunziata e il riconoscimento è stato consegnato dal presidente Eugenio Giani nelle mani del prefetto Lamberto Giannini, Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza.

“Insieme alla Giunta – ha detto Giani- abbiamo deciso di consegnare questo importante riconoscimento della nostra Regione alla Polizia di Stato che opera in Toscana con tanta competenza, solerzia e grande disponibilità, a servizio delle istituzioni, a tutela dei cittadini garantendone l’esercizio delle libertà e dei diritti, vigilando sull’osservanza delle leggi, dei regolamenti e dei provvedimenti della pubblica autorità”.

Alla cerimonia hanno partecipato e sono interventi anche il presidente dell’Educandato Giorgio Fiorenza, il sindaco di Firenze Dario Nardella e il questore della provincia di Firenze Maurizio Auriemma. L’evento è stato moderato dalla capo cronista Erika Pontini.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*