“Dogman” vincitore assoluto ai David di Donatello 2019. Tutti i premiati

Quattro premi al film "Sulla mia pelle" dedicato a Stefano Cucchi

dogman vincitore assoluto dei david di donatello 2019 ben nove statuette
Il regista di Dogman Garrone con la statuetta del David
  • di Valeria Cappelletti

Assegnati i David di Donatello 2019 nel corso di una serata che ha visto protagonista assoluto il film “Dogman” regia di Matteo Garrone che si è portato a casa ben 9 statuette tra le quali miglior film, miglior regia e miglior attore non protagonista. Il regista Garrone ha detto: “È importante cercare di tornare al cinema ed è importante che le sale diventino sempre più grandi invece sembrano sempre più piccole mentre i televisioni sempre più grandi”. Quattro premi sono andati a “Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini e 2 a “Loro” di Paolo Sorrentino.

David come miglior film straniero a “Roma” di Alfonso Cuarón che ha superato “Bohemian Rapsody”.

Benigni e Burton

Tim Burton premiato con il David alla carriera, nelle sale italiane con il suo ultimo film “Dumbo“: “Sono cresciuto guardando il cinema italiano – ha detto visibilmente commosso – Per me è un onore essere qui”. Burton ha ricevuto il riconoscimento da Roberto Benigni: “Ricevere questo premio da Roberto è uno dei più grandi onori della mia vita”. E Benigni ha replicato dicendo: “Tim è talmente creativo che sembra italiano”.

Burton ha, a sua volta, premiato Alessio Cremonini come miglior regista esordiente per “Sulla mia pelle”. Standing ovation a Benigni perché 20 anni fa, il 21 marzo 1999, riceveva l’Oscar per “La vita è bella“.

A Elena Sofia Ricci il premio miglior attrice protagonista per Loro. L’attrice molto emozionata ha ringraziato tutto il cast e il regista Paolo Sorrentino, dedicando il premio alle figlie e augurando loro e a tutti i giovani di coltivare le proprie passioni.

Uma Thurman

Altra ospite Uma Thurman che ha consegnato il premio come migliore attore protagonista ad Alessandro Borghi per la sua interpretazione di “Sulla mia pelle”. Borghi ha dedicato il riconoscimento a: “Stefano Cucchi, agli esseri umani e all’importanza di essere considerati tali a prescindere da tutto”. L’attrice di Kill Bill ha ricevuto il premio speciale David di Donatello.

A Chiamami col tuo nome il premio come migliore canzone originale per “Mistery of love” musica, testo e interpretazione di Sufjan STEVENS.

Premio Speciale a Dario Argento consegnatogli da Stefania Rocca e alla scenografa italiana Francesca Lo Schiavo (3 Premi Oscar). Ospiti speciali della serata anche Andrea Bocelli con il figlio.

Di seguito tutti i vincitori:

MIGLIOR FILM: Dogman

MIGLIOR REGIA premia Stefano Accorsi: Matteo GARRONE per Dogman

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE – PREMIO GIAN LUIGI RONDI premia Tim Burton:  al regista Alessio CREMONINI per Sulla mia pelle

PREMIO David Giovani: Alessio CREMONINI per Sulla mia pelle

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA premia Raoul Bova: Elena Sofia RICCI per Loro (tre David di Donatello nella carriera)

Alessandro Borghi interprete di Stefano Cucchi

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA: Alessandro BORGHI per Sulla mia pelle

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE premia Stefania Sandrelli: Matteo GARRONE, Massimo GAUDIOSO, Ugo CHITI per Dogman

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE premia Serena Rossi: Chiamami col tuo nome James IVORY, Luca GUADAGNINO, Walter FASANO

MIGLIOR PRODUTTORE: Sulla mia pelle (CINEMAUNDICI, LUCKY RED)

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA premia Isabella Ferrari: Marina CONFALONE per Il vizio della speranza

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA premia Enrico Brignano: Edoardo PESCE per Dogman

MIGLIOR AUTORE DELLA FOTOGRAFIA: Nicolaj BRÜEL per Dogman

PREMIO FILM SPETTATORE per il film con il maggior numero di spettatori nelle sale cinematografiche: A casa tutti bene di Gabriele Muccino

MIGLIORE MUSICISTA: Sascha RING, Philipp THIMM per Capri-Revolution

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE: Chiamami col tuo nome “Mistery of love” musica, testo e interpretazione di Sufjan STEVENS

Matteo Garrone regista di Dogman

MIGLIORE SCENOGRAFO: Dimitri CAPUANI per Dogman

MIGLIORE COSTUMISTA: Ursula PATZAK per i costumi di scena di Capri-Revolution

MIGLIOR TRUCCATORE: Dalia COLLI, Lorenzo TAMBURINI per Dogman

MIGLIOR ACCONCIATORE: Aldo SIGNORETTI per Loro

MIGLIORE MONTATORE: Marco SPOLETINI per Dogman

MIGLIOR SUONO: Dogman

MIGLIORI EFFETTI VISIVI: Il ragazzo invisibile – Seconda generazione Victor PEREZ

MIGLIOR DOCUMENTARIO: Nanni Moretti per Santiago, Italia

MIGLIOR FILM STRANIERO: Roma di Alfonso Cuarón (Netflix)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO: Alessandro DI GREGORIO per Frontiera

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*