A Roberto Benigni il Leone d’oro alla carriera

L'attore riceverà il premio durante la Mostra del Cinema di Venezia

Roberto Benigni
Share

Pubblicato ore 14:00

A Roberto Benigni il Leone d’oro alla carriera. La decisione di assegnare l’importante riconoscimento all’attore e regista aretino è stata presa dal Consiglio di Amministrazione della Biennale di Venezia, che ha fatto propria la proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera. Benigni riceverà la preziosa statuetta nel corso della 78esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia che si terrà dall’1 all’11 settembre 2021.

L’attore di “La vita è bella” e “Pinocchio”, nell’accettare la proposta, ha dichiarato: “Il mio cuore è colmo di gioia e gratitudine. È un onore immenso ricevere un così alto riconoscimento verso il mio lavoro dalla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia”.

“Roberto Benigni – ha detto Barbera – si è imposto nel panorama dello spettacolo italiano come una figura di riferimento, senza precedenti e senza eguali. Alternando le sue apparizioni su palcoscenici teatrali, set cinematografici e studi televisivi con risultati di volta in volta sorprendenti, si è imposto in tutti in virtù della sua esuberanza e irruenza, della generosità con cui si concede al pubblico e della gioiosità appassionata che costituisce la cifra forse più originale delle sue creazioni. Con ammirevole eclettismo, senza mai rinunciare a essere se stesso, è passato dal vestire i panni dell’attore comico tra i più straordinari della pur ricca galleria di interpreti italiani, a quelli di regista memorabile in grado di realizzare film di enorme impatto popolare, per trasformarsi da ultimo nel più apprezzato interprete e divulgatore della ‘Divina Commedia’ dantesca”.

L’attore ricevette l’Oscar come migliore attore con “La vita è bella” (1997). Ha recitato con Jim Jarmusch (Daunbailò, 1986; Taxisti di notte, 1992; Coffee and Cigarettes, 2003), Walter Matthau (Il piccolo diavolo, 1988), Blake Edwards (Il figlio della Pantera rosa, 1993) e Woody Allen (To Rome with Love, 2012).

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*