A Firenze “Woman’s World”, le più interessanti street artists italiane in mostra

Per raccontare il mondo con gli occhi della donna

Darehood, Banksy is a girl
Share

Pubblicato ore 07:00

FIRENZE – Alcune delle più interessanti street artists italiane saranno protagoniste con le loro opere del Festival “L’Eredità delle Donne” che si terrà a Firenze, con la direzione artistica di Serena Dandini, da domani, venerdì 22 ottobre, a domenica 14 novembre (vernissage domani, 22 ottobre, ore 17). A ospitare “Woman’s World – Il mondo con gli occhi delle donne“, la nuova collettiva tutta al femminile che riunisce alcune opere delle più autorevoli artiste del Belpaese per raccontare, attraverso i loro colori, il mondo con gli occhi della donna, saranno gli spazi di Informacittà – L’arte di comunicare, in via San Gallo 121.

Tra le artiste in mostra spiccano i nomi di Laika, celebre street artist e attivista romana, per la prima volta a Firenze; Ale Senso, artista sensibile e sempre attenta ai temi sociali; e le ineffabili LeDiesis con la loro Madonna di Kabul e i SuperBlack, una serie di lavori grafici realizzati durante il lungo lockdown per esorcizzare la paura del coronavirus; il collettivo femminile Dare Hood con i loro slogan militanti; Footoose_Footloose con la sua denuncia contro la violenza sulle donne e la giovanissima Giújuba con i suoi disegni che raccontano il disagio sociale del nostro tempo.

LeDiesis, Madonna di Kabul

Le artiste in mostra

Ale Senso è una street artist italiana che vive a Berlino. Parallelamente agli studi all’Accademia di Brera, dal 1996 ha iniziato ad occuparsi di graffiti, arte urbana, workshop e laboratori didattici. I frequenti viaggi tra Italia ed Europa le permettono di partecipare a eventi, convention e mostre nazionali, come il PAC di Milano, e internazionali, come “La Tour Paris 13” di Parigi. IG/sensoale.

Dare Hood collettivo di artiste venete, dinamiche e battagliere che si muovono tra graffiti, stencil e paste up sempre attente al girlpower e ai diritti delle donne. IG/darehood_den.

Giújuba giovanissima illustratrice italobrasiliana, ma di stanza ad Edimburgo, street artist per caso, concentra la sua ricerca sull’antropologia attraverso la quale percepisce e rappresenta l’essere umano, specialmente quello considerato inferiore, capace di cambiare la sua condizione oppressa. IG/giujuba_illustrations.

Giújuba, Freud meets Jujuba

Footloose_footloose street artist fiorentina balzata agli onori della cronaca per i paste up che raffigurano le scarpette rosse, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne. IG/Footloose_footloose.

Laika MCMLIV (1954 in numeri romani, anno di nascita della cagnetta russa che fu il primo essere vivente in orbita a bordo dello Sputnik 2) è l’ultima e la più misteriosa firma apparsa nell’universo della street art romana. Maschera bianca e parrucca rossa, Laika si definisce modestamente “attacchina”, ma, per il suo attivismo, La Repubblica l’ha già inserita tra le 100 donne che cambiano il mondo. IG/laika_mcmliv.

LeDiesis sono la coppia di street artists più celebri d’Italia. Fiorentine, preferiscono restare anonime e lasciare che la loro arte parli per loro. Il loro obiettivo è quello di rendere omaggio a figure femminili che hanno ispirato e ispirano ancora le nuove generazioni. Anche se i loro primi interventi sono comparsi solo 3 anni fa, nel marzo del 2019, LeDiesis sono riuscite a far conoscere la loro arte al grande pubblico in tutta l’Italia. Hanno esposto le loro opere al Museo Archeologico di Napoli, al MAD di Firenze, al Museo Civico di Bari e in numerose gallerie italiane. IG/lediesis.

Contatti e orari

Orario: lunedì-venerdì 10.00-12.30 e 15.30-17.00; sabato e domenica su appuntamento 3482416549.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*