Toscana: prenotazioni per i nuovi vaccini anti-Covid adattati alla variante Omicron

Dal 13 sarà possibile collegarsi al portale regionale

Share

Pubblicato ore 19:00

TOSCANA – A partire da domani, martedì 13 settembre, sarà possibile, anche in Toscana, prenotare per ricevere i nuovi vaccini anti Covid adattati alla variante Omicron. La prenotazione può essere fatta, come sempre, attraverso il consueto portale regionale: prenotavaccino.sanita.toscana.it da mezzogiorno, oppure rivolgendosi al proprio medico o pediatra di famiglia o presso le farmacie aderenti.

I nuovi vaccini adattati potranno essere utilizzati solo come booster (richiamo) indipendente dal vaccino usato in precedenza : saranno pertanto destinati a chi è ancora in attesa della cosiddetta terza dose (prevista per chiunque abbia almeno dodici anni) e per chi deve fare la quarta, riservata, secondo le indicazioni del Ministero, al momento ai cittadini che hanno compiuto sessanta anni e ai fragili di ogni età. I nuovi vaccini saranno utilizzati anche per gli operatori sanitari, gli operatori e ospiti delle strutture residenziali per gli anziani e le donne in gravidanza.

Chi aveva già prenotato il richiamo, potrà scegliere di farlo con i nuovi preparati firmando il consenso informato in sede vaccinale. Per ricevere la dose booster è necessario che siano trascorsi almeno quattro mesi (120 giorni) dall’ultima infezione o dall’ultima somministrazione.

La prima consegna di Pfizer è arrivata in Toscana il 9 settembre e da lunedì 12 settembre inizierà la distribuzione nei centri vaccinali (dal 20 settembre ai medici di medicina generale e ai pediatri di famiglia). Sono 290 mila le dosi arrivate da Pfizer, a cui seguiranno altre consegne settimanali di consistenza simile per tutto il mese di settembre. Il 12 e 13 settembre arriveranno anche 50 mila dosi del vaccino Moderna, seguite pure in questo caso da ulteriori consegne settimanali.

Per il presidente della Toscana e l’assessore alla salute è importante e necessario che tutte le categorie interessate si affrettino a vaccinarsi, in modo da ridurre i rischi di nuove ampie infezioni in autunno.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*