Paziente in rianimazione, la ricostruzione dei fatti. Ha avuto pochissimi contatti

Sani: "A Livorno al momento non ci sono focolai"

Il momento della conferenza stampa in Ospedale
Share

Pubblicato ore 21:16

LIVORNO – È in rianimazione all’Ospedale di Livorno, dopo aver contratto il coronavirus, l’uomo di Livorno, 55 anni, diabetico, sovrappeso al limite dell’obeso, e con problemi respiratori pregressi legati a una bronchite cronica. In quarantena domiciliare dodici persone che hanno avuto contatti stretti con il paziente: 2 medici, 2 infermieri, 3 Oss, 2 tecnici radiologi, il medico di famiglia, moglie e figlia. È quanto è emerso dalla conferenza stampa che si è tenuta questo pomeriggio, 4 marzo, nella sala Ceccarini dell’Ospedale di Livorno, alla presenza del sindaco Luca Salvetti, Luca Carneglia Direttore Ospedale di Livorno, Alessio Bertini direttore Pronto Soccorso, Claudio Tofanari direttore ufficio di Igiene e Sanità Pubblica, Spartaco Sani primario Malattie Infettive, Paolo Roncucci primario di Rianimazione.

Il sindaco ha anche reso noto, nel corso del Consiglio Comunale svoltosi sempre questo pomeriggio, la sospensione dell’attività didattica in tutte le scuole di ordine e grado cittadine fino al 15 marzo come previsto dall’ordinanza del governo. Dal Governatore della Toscana è arrivata indicazione di sospendere tutte le attività ricreative, ludiche, culturali non essenziali per la vita della città. Su questo saranno valutati i vari casi.

La ricostruzione

Tornando al caso del paziente livornese, dall’Asl si è appreso che la persona ha avuto un percorso ospedaliero controllato, sempre con criteri di prudenza rispettati, con mascherina protettiva indossata prima di entrare al Pronto Soccorso, accolto in via Gramsci dai sanitari che lo stavano aspettando su indicazioni del medico curante. Ha avuto pochissimi contatti e per poco tempo, subito messo in isolamento. Il tampone gli è stato fatto per il rapido peggioramento delle condizioni anche se l’uomo non aveva informato i sanitari di essere stato fuori di Livorno, ovvero a Bologna (per una gara di biliardo), nonostante le numerose richieste dei sanitari stessi.

Non si è ammalato a Livorno, è un caso isolato – ha precisato Sani – a Livorno al momento non ci sono focolai. La situazione è impegnativa ma la stiamo gestendo nel miglior modo possibile, i criteri di prudenza sono stati rispettati”.

Già questa mattina il sindaco aveva annunciato alla stampa delle 12 ordinanze di quarantena a Palazzo Municipale, specificando che sono questi i risultati dell’indagine epidemiologica dell’Asl rispetto ai contatti avuti dall’uomo risultato positivo al coronavirus. Al fianco del sindaco in conferenza stampa il prefetto Gianfranco Tomao. “Il paziente – aveva riferito il sindaco – a ora ci risulta in condizioni gravi ma stabili in Rianimazione. Quanto alle 12 persone in quarantena non vuole dire che siano positive al virus, anzi, preciso che sono 12 persone senza sintomi riconducibili al virus” fatto riconfermato anche dai dirigenti dell’Ospedale di Livorno.

21esimo caso in Toscana

“Si tratta del ventunesimo caso in Toscana in ordine temporale – ha detto Salvetti – Siamo in fase di allerta ma non di allarme. Il Comune vigila tramite l’apertura dell’Unità di Crisi e del centro operativo Comunale. Se si saranno evoluzioni il Comune garantirà I servizi essenziali e fondamentali”.

Calma e buonsenso

Il Prefetto Gianfranco Tomao ha parlato di buon senso e responsabilità: “L’emergenza è suscettibile di compromettere i rapporti umani. Bisogna fare attenzione – ha detto – Dobbiamo stare attenti a non limitare le libertà personali ed i diritti. Dobbiamo attenerci alle disposizioni del Ministero della Salute, della Regione e della Usl. I soggetti istituzionali seguono procedure ormai collaudate che devono essere seguite con meticolosità. Tutte le misure sono state affinate secondo le indicazioni fornite da una commissione scientifica presso la protezione civile e solo a questa dobbiamo fare riferimento, altrimenti si genera confusione, anche la Prefettura ha attivato un Centro di Coordinamento provinciale con le Forze dell’Ordine, la Usl, il 118 ed i Vigili del Fuoco”.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*