No ai coriandoli di plastica, l’appello del Comune ai livornesi

Non sono biodegradabili, finiscono negli scarichi e inquinano il mare

no ai coriandoli di plastica l'appello del comune ai livornesi
Preferire coriadoli e stelle filanti di carta. Immagine di pixel2013 su Pixabay
Share

LIVORNO – Carnevale vuol dire sorrisi, divertimento e spensieratezza, ma tutto questo non deve andare a scapito dell’ambiente e del nostro mare soprattutto già tanto inquinato dall’incuria dell’uomo.

Pertanto l’Amministrazione Comunale di Livorno lancia un appello ai cittadini affinché non usino all’aperto i coriandoli plastificati che non sono biodegradabili e che con il vento possono volare in mare o finire nei tombini a causa della pioggia e di conseguenza in mare.

“Nell’attesa che venga emanata una specifica ordinanza in merito – dichiara l’assessore all’ambiente Giuseppe Vece – come hanno già fatto altre amministrazioni quali quelle di Venezia e Rimini, invitiamo la cittadinanza ad utilizzare da subito solo i tradizionali coriandoli di carta, evitando di impiegare all’aperto coriandoli, tubi sparacoriandoli e stelle filanti in plastica”.

L’appello è rivolto anche al buonsenso dei commercianti: “Invitiamo anche i commercianti a dare adeguate indicazioni agli acquirenti, affinché i coriandoli plastificati siano adoperati solo in occasione di eventi privati in luoghi al chiuso, dove a fine festa possano essere raccolti e smaltiti”.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*