EcoBus, a Livorno arrivano i bus che aiutano l’ambiente

Entreranno in servizio tra una decina di giorni

presentati 3 autobus ibridi con motore elettrico per rendere più verde la nostra città saranno lam rosse
I soggetti che hanno preso parte alla presentazione dei tre nuovi bus ibridi. Foto: Valeria Cappelletti
  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Il trasporto pubblico livornese diventa ecologico, questa mattina alla Rotonda di Ardenza sono stati presentati gli EcoBus, tre mezzi Mercedes Citaro C2 in versione ibrida.

Un motore elettrico che riduce i consumi

Il motore dei nuovi mezzi. Foto: Va. Capp.

I tre bus Hybrid si caratterizzano per avere due motori: uno endotermico diesel Common Rail Euro VI che lavora in parallelo con un motore elettrico alimentato dall’energia di scarto recuperata dal veicolo in movimento. Il motore elettrico da 14 kilowatt ha la capacità di ridurre i consumi di oltre l’8,5% rispetto al prodotto alimentato a gasolio.

“Questi autobus ibridi rappresentano il futuro per il trasporto pubblico  – ha detto Andrea Zavanella, presidente di CTT Nord – producono un miglioramento dei consumi e ridimensionano le emissioni nell’aria, inoltre non hanno bisogno di essere ricaricati come succede per altri veicoli che hanno il motore elettrico. Con questi tre bus arriviamo a 162 nuovi mezzi livornesi messi in circolazioni da CTT dal 2015 e che entro l’anno arriveranno a 200″.

Sistemi fonici per gli annunci

presentati 3 autobus ibridi con motore elettrico per rendere più verde la nostra città saranno lam rosse
Due dei tre mezzi ibridi. Foto: Va.Capp.

Gli EcoBus prevedono 27 posti a sedere, 84 posti in piedi e uno spazio riservato allo stanziamento di una sedia a rotelle, le cabine degli autisti sono protette e sono previsti sistemi fonici, sia in vettura che verso l’esterno, per l’annuncio vocale della destinazione e delle fermate.

“Questa è una giornata importante – ha detto Stella Sorgente, vicesindaco di Livorno, presente all’inaugurazione insieme a Giuseppe Vece, assessore alla mobilità – si tratta infatti del primo passo verso una mobilità sostenibile. Questi mezzi saranno usati su una linea molto frequentata come la Lam Rossa. L’uso di autobus ibridi insieme alle iniziative legate al servizio gratuito, come accaduto durante le feste natalizie, sono un modo per incentivare i cittadini a scegliere il trasporto pubblico”.

La benedizione

Il momento della benedizione. Foto: Va.Capp.

I nuovi bus entreranno in funzione tra circa 10 giorni e questa mattina sono stati benedetti da Don Simone Barbieri, delegato dal Vescovo Simone Giusti.

In arrivo 400 nuovi bus

“Entro la fine del 2019 nelle principali città della Toscana entreranno in servizio 400 autobus nuovi – ha sottolineato Vincenzo Ceccarelli, assessore ai trasporti della Regione Toscana – continua infatti il ricambio dei mezzi grazie al Contratto Ponte sottoscritto con le aziende e grazie al confinaziamento che la Regione mette a disposizione per il rinnovo dei mezzi. A questi 400 si aggiungeranno poi altri 2100″.

“Per poter mettere su strada nuovi mezzi – ha concluso Stefano Baccelli, presidente della Commissione trasporti della Regione Toscana – è stato necessario aumentare il prezzo dei biglietti del bus, mossa che ha creato malcontento, tuttavia la Regione Toscana è riuscita a calmierare in parte questi aumenti con tariffe agevolate per le fasce più deboli”.

La linea 113

Questa mattina è stata inaugurata anche la nuova linea bus 113 che collegherà anche l’interporto Vespucci e l’area di Guasticce alla stazione ferroviaria e ai servizi di trasporto pubblico dell’area pisana e livornese.

La linea 113, pensata soprattutto per rispondere alle esigenze dei lavoratori, sarà attiva dal lunedì al venerdì e coprirà varie fasce orarie. Si tratta di una linea sperimentale creata grazie alle risorse messe a disposizione dalla Regione Toscana, dall’Interporto Toscano e dalla Provincia di Livorno, con la collaborazione dei Comuni di Livorno e Collesalvetti e della CTT Nord Livorno. La sperimentazione del servizio durerà tre mesi, al termine dei quali – se l’iniziativa avrà successo – sarà messa a regime e proseguirà.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*