Chianti diventa “Shiandi”, registrato il marchio in cinese

Il presidente Busi: “Un passo importante per la nostra presenza sul mercato”

Giovanni Busi presidente del Consorzio Chianti
Giovanni Busi presidente del Consorzio Chianti
Share

FIRENZE – Il Chianti parla e scrive cinese. Dopo una lunghissima trafila burocratica, il marchio vino Chianti docg è stato registrato in caratteri cinesi e verrà utilizzato per le etichette esportate in Oriente. La traslitterazione ha una fonetica molto simile all’originale: si pronuncia “Shiandi”. 

Un risultato importante ottenuto dopo un lungo lavoro sul posto e dopo una difficile fase istruttoria legata alla particolare complessità amministrativa delle istituzioni cinesi.

Il marchio, nella sua traduzione, ha un significato molto positivo, soprattutto per le sensazioni che riesce a evocare: il primo carattere è utilizzato per indicare un’attività a favore di terzi, il secondo è la pace e il terzo carattere è quello utilizzato per indicare le radici di un fiore.

Il mercato cinese si conferma un terreno favorevole per il vino. Secondo i dati Nomisma, una società indipendente che realizza attività di ricerca e consulenza economica per imprese, si parla di una crescita del 3,3% rispetto allo scorso anno dell’export del vino italiano. Per i rossi Dop della Toscana l’aumento è addirittura dell’11,3%.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*