Bambini e adulti insieme per “Puliamo il mondo”

Sono state individuate due aree nel plesso scolastico di Villa Corridi

puliamo il mondo

LIVORNO – Domani, sabato 7, si svolgerà in tutta Italia l’edizione numero 25 di “Puliamo il Mondo“, il grande appuntamento di volontariato ambientale promosso nel nostro paese da Legambiente. Anche la nostra città aderisce all’iniziativa, con Legambiente Livorno, la collaborazione di Comune di Livorno e Aamps, che quest’anno ha come tema l’economia circolare: i rifiuti, se riciclati, possono essere una risorsa preziosa e possono passare a nuova vita.

Pertanto, d’intesa con la dirigente del IV Circolo didattico, Manuela Mariani, sono state individuate due aree all’interno del plesso scolastico di Villa Corridi. Si tratta dell’area a verde a est della scuola elementare, dove i bambini trascorrono l’intervallo, e del piazzale d’ingresso utilizzato dai familiari per portare i bimbi a scuola e riprenderli. In questo piazzale (condiviso con il centro infanzia comunale Giardino di Sara e con la scuola d’infanzia statale Ciribiciccioli) sostano mediamente 600 persone al giorno, e spesso capita che qualcuno lasci cadere a terra carta e rifiuti. Proprio per questo 48 bambini (23 della classe IIIC e 25 della IVC), guidati dalle insegnanti Enrica Talà, Chiara Marchetti e Antonella Turelli, insieme ai grandi e ai tanti volontari, si daranno appuntamento alle 9 all’ingresso di via del Vecchio Lazzeretto 26.

Dopo i saluti dell’assessore comunale all’ambiente Giuseppe Vece, si terrà un incontro, a cura di Legambiente, sulla raccolta porta a porta dei rifiuti e poi, via tutti a pulire, con i kit forniti da Aamps: guanti e sacchi, sia per l’indifferenziata che per il multimateriale (plastica, alluminio, vetro, tetrapak).

In 25 anni di impegno e pulizia “Puliamo il mondo”, che è la versione italiana di “Clean up the world”, ha coinvolto 15 milioni di cittadini italiani e pulito 100mila aree con l’aiuto di volontari muniti di guanti, sacchi e ramazze.

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*