Eleonora, la tartaruga caretta, torna in libertà alla Meloria

Sarà imbarcata su un mezzo della Capitaneria di Porto di Livorno

la tartaruga caretta eleonora verrà liberata alle secche della meloria
La tartaruga Eleonora

LIVORNO – Tornerà a nuotare in mare aperto questa mattina, martedì 11 giugno, la tartaruga caretta Eleonora riabilitata presso il Centro recupero dell’Acquario di Livorno, uno dei 4 centri toscani, facenti parte della rete dell’Osservatorio Toscano per la biodiversità.

La liberazione di Eleonora avverrà nell’ambito di un evento che inizierà alle ore 10 presso l’Auditorium dell’Acquario di Livorno durante il quale verranno assegnate anche le bandiere Accobams (del marchio label di Whale Watching), l’accordo raggiunto nel 1996 per la conservazione dei cetacei nel Mediterraneo, nel Mar Nero e nelle contigue aree atlantiche, ai 4 equipaggi toscani che hanno ottenuto questo riconoscimento, ovvero Cetus Viareggio, Associazione Opificio, Ambiente Mare e Mare Libero nell’ambito del progetto europeo Ecostrim, di cui la Regione è partner.

Sul carapace della tartaruga è stato applicato un radiotrasmettitore satellitare ARGOS che permetterà di seguire per i prossimi mesi gli spostamenti dell’esemplare accedendo al sito del progetto CARESAT. Le operazioni di applicazione del tag satellitare sono state svolte da Università di Pisa in collaborazione con Settore Mare di ARPAT e staff dell’ Acquario di Livorno, enti facenti parte della rete dell’Osservatorio Toscano per la Biodiversità di Regione Toscana

Seguirà quindi alle 12.30 la preparazione per la liberazione di Eleonora che sarà imbarcata su di un mezzo messo a disposizione dalla Capitaneria di Porto di Livorno.

La liberazione avverrà presso l’area marina protetta delle Secche della Meloria e l’evento potrà essere seguito anche in diretta facebook sulla pagina dell’Acquario. Nel corso della mattinata sarà consegnato il materiale informativo dell’Osservatorio Toscano per la Biodiversità e alle 13 è prevista la conclusione dell’iniziativa con la visita dell’Acquario.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*