Cavalli, appello dell’Associazione IHP: “Senza una nuova sede dovremo lasciare la Toscana”

Il presidente: “Tanta solidarietà ma nessuna proposta concreta”

Foto di Rebecca Schönbrodt-Rühl da Pixabay
Share

Pubblicato ore 12:46

VOLTERRA – Cerca urgentemente una nuova sede l’Associazione Italiana per la tutela degli equidi (Toscana Italian Horse Protection Onlus), la prima in Italia a gestire un centro di recupero autorizzato dal ministero della Salute. L’Associazione, con sede vicino Volterra, ha lanciato un appello per trovare uno spazio in grado di accogliere anche il Centro di recupero e i suoi ospiti, cavalli salvati da maltrattamenti e anche affidati alle sue cure dai Tribunali italiani.

“Dopo il nostro appello abbiamo ricevuto tantissima solidarietà, della quale siamo profondamente grati, e abbiamo avuto numerosi contatti, ma purtroppo niente di tutto questo si è ad oggi tradotto in una proposta concreta e praticabile – dice il presidente di IHP, Sonny Richichi -. Per questo ci troviamo costretti a guardare anche fuori dai confini regionali per trovare una nuova sede. Per noi lasciare la Toscana sarebbe motivo di grande dolore e frustrazione, vorremmo davvero restare qui: rinnoviamo il nostro appello a chiunque, istituzioni e privati, possa aiutarci”.

L’associazione cerca una proprietà che abbia le seguenti caratteristiche minime: circa 20 ettari a pascolo, la maggior parte dei quali in piano; disponibilità di acqua per abbeverare gli animali (con la presenza di una sorgente, o altre fonti come laghetti artificiali o fiumi); allaccio (esistente o realizzabile) alla rete elettrica, telefonica e internet; possibilità di installazione di un adeguato numero di tettoie, box e fienile. Presenza di immobili ad uso abitativo, o in alternativa possibilità di installazione di unità anche prefabbricate, in osservanza delle disposizioni edilizie vigenti.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*