“Wonder”, oltre il muro della diversità

Il film con Julia Roberts uscirà il 21 dicembre al cinema

wonder
Jacob Tremblay interpreta August Pullman
Share
  • di Valeria Cappelletti:

Uno dei poteri più grandi dell’essere umano è quello di riuscire ad andare oltre le apparenze, a guardare nel cuore delle persone e a scoprire il bello anche in ciò che in un primo momento non sembra tale.

La storia che uscirà nelle sale cinematografiche il 21 dicembre parla proprio di questo, è “Wonder” pellicola che riporta sul grande schermo Julia Roberts in una parte che certamente farà commuovere gli spettatori, quella della madre di August Pullman, Auggie (interpretato da Jacob Tremblay) un bambino sfigurato in volto.

August sta per andare in prima media e lo attende un periodo molto difficile fatto di sguardi indagatori, di isolamento e di episodi di bullismo da parte dei compagni di scuola, ma come si diceva all’inizio, l’essere umano è capace di grandi gesti di amore e la vita ne riserverà anche ad August.

“Wonder”, che sarà distribuito in 400 copie, è tratto dal romanzo “La storia di Wonder“, di R.J. Palacio, pubblicato nel 2013 e venduto in oltre 5 milioni di copie. Al centro della storia un bambino nato con una deformazione alla testa e che ha subito oltre 40 operazioni. Il tema del disagio dovuto al volto sfigurato non è nuovo al cinema, basti pensare a “The Elephant Man” del 1980 diretto da David Lynch e a “L’uomo senza volto” del 1993, diretto e interpretato da Mel Gibson.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*