Visita al cimitero ebraico dove riposano le famiglie Chayes, Corcos, Franco e Madame Sitrì

Al suo interno le più antiche sepolture dei primi Ebrei sefarditi

visita al cimitero ebraico
Share

Pubblicato ore 12:00

LIVORNO – Anche domani, 12 luglio, siti ebraici aperti per visite guidate a cura di Amaranta Service. Alle ore 10, su prenotazione, sarà possibile accedere al Cimitero ebraico di via Don Aldo Mei.

Inaugurato nel 1901, come riporta l’iscrizione in marmo posta sopra un bacile, a destra del cancello d’ingresso, è stato realizzato su progetto dell’architetto Adriano Padova, molto attivo nel progetto di urbanizzazione del quartiere della Stazione. Ospita al suo interno le più antiche sepolture dei primi Ebrei sefarditi, venuti a Livorno, provenienti dagli antichi cimiteri scomparsi. Questi sepolcri in marmo bianco hanno la forma a tumulo e riportano l’iscrizione in portoghese ed ebraico, molti sono adornati da stemmi familiari. Questa tipologia di sepolcro la troviamo a Livorno, anche, nell’antico cimitero degli Inglesi in Largo Donegani.

Al cimitero ebraico sono seppelliti gli Ergas, i Chayes, i Corcos, i Franco: le più importanti famiglie della città portuale vivace e ricca, che era La Livorno medicea. Tra le sepolture più moderne vi è quella di Elio Toaf, un rabbino molto stimato ed amato in tutto il mondo, Isidoro Kahn, l’ultimo grande saggio di Livorno, Gastone Orefice, giornalista apprezzato a livello internazionale. Il Cimitero ospita anche le antiche sepolture del piccolo cimitero ebraico di Portoferraio smantellato nel 1964.

Tra le varie cappelle familiari spicca quella della famiglia Chayes, in stile eclettico con il suo portone in legno , due leoni stilofori, vetrate colorate. Questa cappella è stata scelta da Francesca Archibugi per la serie prodotta dalla RAI Romanzo famigliare.

Qua riposa anche Madame Sitrì, celebre maitresse, che gestì, per anni la più elegante casa di piacere di Livorno, immortalata da Bobo Rondelli nella sua bellissima canzone Bella Livorno. Sulla parete della camera mortuaria due lapidi ricordano i caduti della prima guerra mondiale e i livornesi morti nei campi di sterminio. Il signor Filippi, impagabile custode e memoria storica del Cimitero accompagnerà i visitatori e aprirà la cappella Chayes e la Cappella mortuaria.

Informazioni e prenotazioni Amaranta servizi: 3208887044.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*