Torna a Livorno la gara internazionale di percorsi a ostacoli Ninja Challenge

Oggi, 25 novembre, e domani allo Zen Club

Share

Pubblicato ore 18:00

LIVORNO – Settima edizione della Ninja Challenge, torneo di percorsi ad ostacoli organizzato dal Ninja Cave presso lo Zen Club.

L’evento si svolgerà oggi, sabato 25 novembre (categorie fino a 14 anni) e domani, domenica 26 (categorie dai 15 anni in poi) nella struttura attrezzata indoor della Ninja cave presso lo Zen club in via Pera 28.

“Con la gara internazionale di questo fine settimana si dimostra ancora una volta che qualsiasi disciplina nasca, a Livorno trova praticanti e campioni” sono state le parole del Sindaco Luca Salvetti soddisfatto di presentare la settima edizione.

Ad illustrare l’evento nei dettagli è stato uno dei pionieri e maggiori promotori dei percorsi ad ostacoli in Italia, Michele Silvestri, presidente della Ninja cave, con i suoi collaboratori, Francesco Pirelli, responsabile settore arbitrale e Dario Casini, ideatore ed installatore degli ostacoli.

“I percorsi a ostacoli – ha spiegato Michele – proprio negli ultimi giorni sono entrati ufficialmente a far parte del Pentathlon e dunque saranno alle olimpiadi dal 2028. A questa Challenge abbiamo anche il piacere di ospitare oltre a specialisti italiani e stranieri ben trenta atleti del Pentatlon che si cimenteranno nelle prove ad ostacoli per la prima volta”. La notizia era nell’aria da tempo ed era immaginabile che una disciplina così spettacolare trovasse una collocazione a livello mondiale.

Presentato anche un video che racconta la disciplina con protagonista Valentino De Vanna (tra l’altro medaglia di bronzo al campionato del mondo), Martina Lottini che ha disputato la durissima competizione di Extreme Ninja sotto un ponte sospeso in Svizzera e Luca Gini, detentore del titolo di campione della passata edizione della gara livornese. Gini ha anche battuto il record del mondo alla trasmissione del Guinnes di Gerry Scotti dove è stata ospite anche Martina. “Il valore di questo tipo di gara – ha spiegato infine Silvestri – va al di là dell’aspetto sportivo. E’ una educazione, un allenamento a superare gli ostacoli che ora sono su un percorso ginnico ma che domani saranno, sotto forme diverse, ostacoli nella vita quotidiana. Si impara dunque ad andare sempre avanti come era nello spirito dei mitici Samurai: la disciplina nasce infatti in Giappone”.

Valore aggiunto di questa settima edizione è lo spazio che sarà dedicato alla presentazione del progetto “Scelgo il rispetto: no alla violenza ed all’emarginazione”, che nasce sempre nella struttura dello Zen Club di via Pera

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*