Torino omaggia l’attore Gian Maria Volonté con una mostra

Visitabile fino a venerdì 15 settembre

Gian Maria Volonté
Share

TORINO – È dedicato a Gian Maria Volonté, attore internazionale, intramontabile, inquieto, ribelle e anticonformista l’omaggio allestito nei nuovi spazi espositivi della Bibliomediateca Mario Gromo del Museo Nazionale del Cinema. La mostra, “Sotto il segno di Volonté” è stata inaugurata ieri ed è visitabile fino a venerdì 15 settembre. Il desiderio di celebrare uno degli interpreti più importanti del cinema italiano di tutti i tempi attraverso i preziosi materiali che la figlia dell’attore, Giovanna Gravina, ha recentemente donato al Museo Nazionale del Cinema riteniamo, come redazione, che sia un’ occasione da non perdere se vi trovate a Torino o se avete intenzione di recarvici.

L’omaggio presenta documenti che testimoniano in particolare gli ultimi decenni della lunga carriera di Volonté e sono arricchiti dai materiali provenienti dalle collezioni dell’Archivio storico, della Bibliomediateca Mario Gromo e da alcuni scatti fotografici particolarmente significativi della Fototeca del Museo Nazionale del Cinema.

La figura di Gian Maria Volonté, sia per i ruoli che ha interpretato nel corso della sua carriera, sia per la coerenza che ha sempre perseguito nelle scelte di vita, appartiene alla categoria degli artisti più liberi e, al tempo stesso, più schierati: ha preso parte a pellicole controverse, scomode come “ Il caso Mattei”, “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto”, “ Sacco e Vanzetti” raccontando, in anticipo sui tempi, verità non ancora note, esponendosi in prima persona a critiche e ritorsioni.

L’accesso alla mostra è a ingresso libero, previo tesseramento gratuito alla Bibliomediateca e presentazione di un documento d’identità. Facciamo presente che la Bibliomediateca sarà chiusa per ferie da lunedì 7 agosto a venerdì 25 agosto compresi così evitate di andare e trovare chiuso. La riapertura al pubblico è prevista per lunedì 28 agosto 2017.

Diletta Fallani

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*