Teatro Goldoni, torna “Sì” di Mascagni con tante novità

Lunedì 19 novembre la guida all'ascolto

Al Teatro Goldoni arriva Sì, operetta di Pietro Mascagni
Il cast di "Sì" con al centro Alberto Paloscia, direttore artistico della stagione lirica

di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Luci, colori, divertimento, sono gli ingredienti di “” l’operetta di Pietro Mascagni che andrà in scena al Teatro Goldoni venerdì 23 e domenica 25 novembre.

Sono tante le novità per questa rappresentazione che nel 2019 compirà cento anni, debuttò infatti il 13 dicembre 1919 al Teatro Quirino di Roma. A Livorno l’ultima volta fu messa in scena nel 1996 al Teatro La Gran Guardia.

Al Teatro Goldoni arriva Sì, operetta di Pietro Mascagni
La locandina

In scena un allestimento interamente realizzato dal Teatro Goldoni e che vede alla regia Vivien Hewitt con all’attivo 67 produzioni dal barocco al contemporaneo.

“Ascoltando la melodia di “Sì” sembra di assistere a un musical moderno in stile Ginger Rogers e Fred Astaire – dice Hewitt – invece l’operetta venne scritta da Mascagni a conclusione della prima guerra mondiale quando si contavano i morti e i feriti e quando dilagava l’influenza spagnola. Il compositore con “Sì” sembra quindi rispecchiare il desiderio delle popolazioni europee di quel periodo di ritrovare la gioia di vivere. Inoltre Mascagni ribalta la storia, qui è la donna che si innamora di un uomo ed è lui a lasciarla, di solito invece accade il contrario”.

Le novità

L’allestimento sarà molto diverso rispetto al tradizionale: l’ambientazione non è quella della Belle Epoque bensì del periodo futurista, inoltre la recitazione sarà più vicina alla prosa e meno all’operetta per dare maggiore spessore ai personaggi e saranno presenti scene di ballo, non solo di canto.

Il cast

Anticipazione per Sì, l'operetta di Mascagni con sue appuntamenti al Circolo Norfini e allo Chalet di Ardenza
Veio Torcigliani è Romal

Il gruppo di cantanti che si alternerà sul palco nelle due giornate è il risultato del corso del Progetto Mascagni Opera Studio conclusosi a ottobre e che ha visto la partecipazione di 21 artisti provenienti altre che dall’Italia anche da Albania, Repubblica Ceca e Kosovo.

Da questo gruppo è uscito il cast definitivo che vede anche due livornesi: Alessandra Rossi (Livorno) e Blerta Zhegu (Albania) nel ruolo di Sì, Anastasia Bartoli (Verona) e Dioklea Hoxha (Kosovo) nel ruolo di Vera, Valeria Filippi (Livorno) è Palmira, Fabio Armiliato (Genova) e Stefano Tanzillo (Cosenza) nel ruolo di Luciano, Matteo Loi (Cagliari) è Clèo, Alessandro Biagiotti (Genova) e Veio Torcigliani (Lucca) è Romal.

Anticipazione per Sì, l'operetta di Mascagni con sue appuntamenti al Circolo Norfini e allo Chalet di Ardenza
Dioklea Hoxha è Vera

Direttore, il viareggino Valerio Galli. Sul palco anche l’Orchestra della Toscana e il Coro Sì diretto dal Maestro Luca Stornello.

Al Progetto Mascagni Opera Studio collabora anche il Rotary Club Livorno che finanzia le borse di studio dei giovani artisti.

Trama

Operetta in tre atti che ruota attorno al personaggio di Sì, nomignolo della stella delle Folies-Bergère (locale parigino in voga durante la Belle Epoque), che deve il suo curioso soprannome al fatto di non dire mai di no a nessun pretendente. Il duca di Chablis, Luciano, per ottenere una cospicua eredità si deve sposare e propone a Sì un matrimonio combinato per poi, con uno stratagemma, divorziare. Nella storia entra anche Vera, innamorata di Luciano, da lui ricambiata. Cosa succederà a Sì che ne frattempo prova per la prima volta un autentico sentimento per l’uomo da lei sposato?

“”Sì” è un personaggio solo all’apparenza superficiale – spiega Alessandra Rossi – perché in realtà nasconde una grande fragilità, mi ricorda molto Marilyn Monroe. Si tratta di un’operetta ma l’impianto melodico è quello di una vera opera che fa riflettere molto dal punto di vista storico, sociale e psicologico”.

Al Teatro Goldoni arriva Sì, operetta di Pietro Mascagni“Sebbene Vera sia la cattiva – racconta Anastasia Bartoli – è protagonista di pagine musicali molto profonde e toccanti. Poter interpretare questo personaggio e avvicinarmi a Mascagni è stato per me sorprendente, mi ha molto cambiato, è stata un’esperienza unica”.

Incontro con il pubblico

Ricordaimo che lunedì 19 novembre alle ore 17 nella sala Mascagni del Teatro Goldoni si terrà la guida all’ascolto aspettando “Sì”. Incontro aperto al pubblico e gratuito.

Informazioni

Orari: venerdì 23 novembre,ore 20.30 – domenica 25 novembre, ore 16.30.
Biglietti ancora disponibili presso il botteghino del Teatro Goldoni (0586204290) aperto dal martedì al sabato dalle ore 16.30 alle ore 19.30. Nei giorni di rappresentazione sarà aperto a partire da 2 ore prima dell’orario di spettacolo. Biglietti acquistabili anche online.

Prossimi appuntamenti con la lirica

Sono previsti altri due eventi legati alla stagione lirica del Teatro Goldoni: “La Boheme” il 19 e 20 gennaio e “Madama Butterfly” il 29 e 31 marzo. Consulta il cartellone con tutti gli spettacoli in programma.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*