Spettacolo sulla dislessia, Orto degli Ananassi raccoglie fondi

Andrea Gambuzza e Ilaria Di Luca vogliono sensibilizzare sul tema

L'Orto degli Ananassi ha dato il via a una raccolta fondi per uno spettacolo dedicato alla dislessia

LIVORNO – La compagnia Orto degli Ananassi, che da tre anni ha aperto il Teatro della Brigata (via Brigata Garibaldi), organizza una raccolta fondi per creare uno spettacolo dedicato alla Dislessia dal titolo “Dislessi-che?”.

“Siamo convinti – scrivono i fondatori della Compagnia, Ilaria di Luca e Andrea Gambuzza – che anche i temi più seri possano essere resi leggeri attraverso il teatro, vero e potente strumento per trasmettere consapevolezze nuove, per aiutare le persone a stare meglio. In questa continua ricerca durante le attività dello scorso anno, siamo entrati in contatto con l’Associazione Italiana Dislessia. Da principio non sapevamo molto su questa neurodiversità. Non avevamo veramente realizzato che questo disturbo incide sul rendimento scolastico, ma soprattutto sulla percezione di se stessi. E allora ci siamo messi a studiare”.

“Col tempo ci siamo appassionati – proseguono – e abbiamo deciso di creare uno spettacolo dedicato alla Dislessia: registi, attori e scenografi si stanno dedicando a questo progetto, tutti convinti che quel limite – che si concretizza ad esempio nella difficoltà di riconoscere alcune lettere fino a rendere complicata la lettura di qualunque testo – possa essere superato se supportato con le modalità adatte”.

“Dislessi-che?” racconta l’universo della dislessia in modo immaginifico e coinvolgente. L’intento è quello di sensibilizzare insegnanti e scolaresche sulle criticità emotive e relazionali a esso legate, ponendosi inoltre l’obiettivo di insegnare ai suoi spettatori a guardare con occhi diversi il mondo di una persona dislessica.

Termine ultimo per le donazioni il 31 gennaio 2019.

Info:  info@teatrodellabrigata.it – 3278844341.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*