Scenari di Quartiere, 15 spettacoli in giro per Livorno

Sul palco anche Simone Cristicchi, Jacopo Fo, Marco Paolini e Marco Baliani

claudio marmugi
Una panoramica dello spettacolo di apertura del 2017
Share

LIVORNO – Dall’8 al 23 settembre torna Scenari di Quartiere la rassegna dedicata al teatro che si svolge al calasole (ore 19), ogni volta in un quartiere livornese diverso. Un modo per unire la cultura con i luoghi inusuali e suggestivi di Livorno.

Scenari di Quartiere nasce da un’idea di Fabrizio Brandi, che ne è anche il direttore artistico, e di Marco Leone direttore di Fondazione Teatro Goldoni, organizzato dalla Fondazione Teatro Goldoni di Livorno e dal Comune di Livorno con il contributo del’Associazione Quartieri Uniti di Livorno.

Ben 15 gli appuntamenti gratuiti in programma (contro i 9 del 2017).

elisabetta salvatori
Elisabetta Salvatori. Foto: Valeria Cappelletti

Sul palco saliranno nomi importanti del teatro di narrazione italiano, tra questi tornano Simone Cristicchi dopo aver aperto lo scorso anno il festival con il monologo “Li romani in Russia“, Jacopo Fo, figlio di Dario, Marco Paolini, Marco Baliani ed Elisabetta Salvatori presente anche nella passata edizione con un monologo dedicato alla tragedia ferroviaria di Viareggio.

Inoltre si terrà una jem session il 20 settembre con storie e musica e sul palco tanti attori livornesi. Ci sarà anche spazio per tre nuovi eventi: la presentazione di un libro e due incontri di narrazione filosofica nei quartieri.

Verrà attivato anche un laboratorio di teatro di narrazione rivolto a dieci attori (periodo novembre 2018/giugno 2019 con due incontri settimanali) con temi stabiliti che avrà anche l’obiettivo di raccogliere le storie “nascoste” dei quartieri, fatti e notizie che rischiano di scomparire negli anni.

Di seguito tutti gli spettacoli e gli attori che si esibiranno:

scenari di quartiere
Marco Paolini

8 settembre nel quartiere San Jacopo (Villa Mimbelli): Marco Paolini in Tecno Filò – Technology and Me. L’attore riflette sulla tecnologia e su come, grazie o per colpa sua, la nostra vita stia cambiando.

9 settembre quartiere Venezia (ex Teatro San Marco in via dei Floridi): Fabrizio Saccomanno in Gramsci – Antonio detto Nino, uno spaccato sulla vita privata e politica di Gramsci. Sempre il 9 alle 18 al Makutu Bar, Piazza dei Domenicani 19/20 presentazione del libro “Fango Rosso” di Alessia Cespuglio e pubblicato da Vittora Iguazu Editore

11 settembre Viale Italia allo Scoglio della Regina: Umberto Galimberti in Talento e felicità.

12 settembre quartiere La Guglia (P.za Barriera Garibaldi n. 18-23) Fabrizio Brandi presenta Blocco 3. Evento fuori programma in ricordo della Signora Gina Campana, indimenticata protagonista della vita del Blocco 3.

scenari di quartiere
Iacopo Fo

13 settembre quartiere Borgo Cappuccini (Parco Centro Città, via San Carlo): Iacopo Fo in I calzini sul comò – Ti amo ma non ti trovo! In questo spettacolo il figlio di Dario Fo e Franca Rame racconta della diversità tra uomo e donna e dalle complicazioni che nascono dai disastri sentimentali.

14 settembre quartiere Montenero (piazza di Montenero): Elisabetta Salvadori in Piccolo come le stelle (vita di Giacomo Puccini). L’attrice versiliese propone la storia del grande compositore e musicista dopo aver attinto, in particolare, alle oltre ottomila lettere dell’epistolario pucciniano.

15 settembre quartiere Ardenza (Parco scuole Carducci in piazza Sforzini): Antonio Taurillo in La scuola non serve a nulla. Attore comico e insegnante, Taurillo racconta la sua vita da docente in maniera originale e divertente.

16 settembre quartiere Antignano (piazza del Castello): Luigi D’Elia in Zanna Bianca – Della natura selvaggia (il racconto). Lo spettacolo trae ispirazione dal libro di Jack London e narra la storia attraverso gli occhi di un lupo.

Lunedì 17 settembre, ore 19 – piazza Garibaldi narrazione filosofica nei quartieri sul tema: “Apparire equivale ad essere?” a cura di Alessandro Rizzacasa dell’Associazione Città Filosofica.

Martedì 18 settembre, ore 19 – via della Madonna narrazione filosofica sul tema: “Narrare/Narrarsi” a cura di Alessandro Rizzacasa.

19 settembre quartiere Pontino (via Castelli): Andrea Kaemmerle in L’uomo tigre – Capire tutto in una notte. Un gioco molto allegro e sarcastico sulla provincia italiana.

20 settembre quartiere Benci Centro (piazza XX settembre): jam session narrativa. Storie e musica con narratori del territorio e non solo. Protagonisti: Michele Crestacci, Alessia Cespuglio, Stefano Santomauro, Giovanni Bondi, Fabrizio Brandi, Claudio Monteleone, Alessia Arena, Elena De Carolis, Emanuele Barresi.

monologo
Simone Cristicchi durante lo spettacolo del 2017. Foto: Valeria Cappelletti

21 settembre quartiere Fabbricotti (villa Fabbricotti): Marco Baliani in Kohlhaas. La storia prende spunto da un fatto di cronaca realmente accaduto nella Germania del 1500, scritto da Heinrich von Kleist. Kohlhaas è la storia di un sopruso che, non risolto attraverso le vie del diritto, genera una spirale di violenze sempre più incontrollabili.

22 settembre quartiere Stazione (cortile via Badaloni, angolo via Bengasi): Oscar De Summa in Diario di provincia. Uno spettacolo che racconta la vita opprimente di una provincia del sud da cui si può solo fuggire.

23 settembre quartiere Benci Centro (piazza Cavallotti): Simone Cristicchi in Viaggi e storie di un fabbricante di canzoni. Un viaggio nei 10 anni di intensa attività teatrale e musicale, apre al pubblico la sua valigia di storie.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*