“Mumble Mumble”, due funerali e mezzo tra ricordi surreali e grotteschi

Sul palco del Centro Artistico Il Grattacielo Emanuele Salce

mumble muble spettacolo teatrale al centro artistico il grattacielo
Emanuele Salce. Foto: Centro Artistico Il Grattacielo

LIVORNO – Teatro al Centro presenta domani sabato 16 febbraio alle ore 21.15 storia di due funerali e mezzo, sì, avete capito bene, Emanuele Salce mette in scena sul palco del Centro Artistico Il Grattacielo la commedia “Mumble Mumble – Confessioni di un orfano d’arte“, nella quale ripercorre la storia del funerale di suo padre naturale Luciano Salce; quella di suo padre adottivo e secondo marito di sua madre, Vittorio Gassman e infine, quella metaforica, la sua, in un tumulto di ricordi grotteschi e surreali, tra cultura e provocazione. “Mumble Muble” conta oltre trecento repliche e otto anni di applausi e apprezzamenti dalla critica nazionale e che finalmente arriva anche a Livorno.

A fare da contraltare in scena lo spettatore-regista Paolo Giommarelli, ora complice, ora provocatore della confessione, passando con candida disinvoltura da Achille Campanile a Petrarca fino ad un para-trattato di gastroenterologia.

La trama

Nel primo racconto si narra il giorno del funerale del padre Luciano, quando Emanuele aveva poco più di vent’anni. Emanuale è reduce da una nottata di sbronze e si trova a dover gestire da solo il tragico momento, nelle condizioni peggiori, una realtà a lui sconosciuta e assai scomoda fra parenti a caccia di lascito, addetti alle onoranze funebri che lo inseguono con cataloghi di bare e la ragazza per cui spasima che non si concede.

Nel secondo, il pubblico rivive il giorno della scomparsa di Vittorio Gassman, marito della madre di Emanuele, episodio vissuto quando aveva 30 anni, quindi più lucido e consapevole, in cui si assiste ad un vero e proprio Carnevale del sacro e del profano, fra autorità politiche improbabili e presenzialisti d’ogni risma, dolori veri e presunti, per concludere il tutto con la semifinale degli Europei del 2000 Olanda – Italia con scene da stadio.

Nel terzo (metaforicamente), il funerale è quello di Emanuele: vissuto attraverso l’incontro con una bionda australiana e una défaillance occorsagli in un museo di Sydney, con un finale in crescendo, fino a giungere a una vera e propria liberazione non solo simbolica.

Informazioni e biglietti

Biglietto: intero 14 euro, ridotto 12 euro. Spettacolo + Aperitivo 15 euro.
Info e prenotazioni: 0586890093 dalle 17:00 alle 19:00 dal lunedì al venerdì – segreteria@centroartisticoilgrattacielo.it.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*