“Grazia e Grinta: le Dee dentro la donna”, parole e danza sul mondo femminile

Sul palco la sensibile interpretazione di Christian Quagli

grazia e grinta, spettacolo sul mondo femminile al teatro cral eni
Share

LIVORNO – Uno spettacolo sul mondo femminile che ruota attorno a casi toccanti o comici, a momenti di riflessione e di grande intensità: è “Grazia e Grinta: le Dee dentro la donna” in scena sabato 23 febbraio alle ore 21.15 al Teatro Cral Eni di viale Ippolito Nievo.

grazia e grinta, spettacolo sul mondo femminile al teatro cral eni“Grazia e Grinta: le Dee dentro la donna” è un mix di parole e danza con la regia di Ilaria Magonzi e la sensibile interpretazione di Christian Quagli, quinta replica del fortunato spettacolo sul mondo femminile, liberamente ispirato al libro omonimo “Le Dee dentro la Donna” di Jean Shinoda Bolen, psichiatra americana che ha indagato il legame profondo e sempre attuale con i modelli mitologici femminili.

Partendo dalle caratteristiche di ciascuna dea, lo spettacolo affronta anche il tema centrale sulla violenza verso le donne: una carrellata di personaggi superbamente interpretati dall’attore livornese Quagli, accompagnata dai movimenti coreografici del gruppo Eimos Growing Company, con danzatrici adulte che portano in scena coreografie e movimenti corali di impatto in uno spettacolo che fa riflettere sulla complessità del mondo psichico femminile.

Eimos Growing Company è un progetto della scuola di danza livornese Eimos Centro Formazione Danza che porta in scena uno stile di teatro psicologico, accompagnato dalla danza, diretto da Ilaria Magonzi che ne cura testi e coreografie.

Danzano: Irene Amadei, Valentina Baldacci, Serena Cassarri, Silvia Chellini, Cecilia Comparini, Elisa Daini, Irene Pietracaprina, Francesca Pillonca, Dania Sabatini, Barbara Sambri, Elena Spagnoli, Marianna Turtur.

Prenotazioni dei biglietti telefonando al 3393422139 e biglietteria aperta presso il teatro a partire dal giovedì 21 febbraio, ore 17-19, oltre al giorno stesso dello spettacolo.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*