Giovanni Bondi in scena con “Buddha non è diodegradabile”

In scena al Nuovo Teatro delle Commedie

LIVORNO – Sarà con un livornese doc l’ultimo appuntamento con la rassegna Comico d’Autore al Nuovo Teatro delle Commedie venerdì 6 e sabato 7 aprile alle ore 21 30.

Giovanni Bondi, attore e comico porterà in scena per la prima volta a Livorno il suo nuovo spettacolo “Buddha non è diodegradabile”Il progetto nasce da un libro che Bondi ha scritto sulle “case di tolleranza”, presto in uscita, sulla loro storia dal 1432, anno di nascita della prima “casa chiusa”, fino alla loro abolizione nel 1958 con la famosa legge Merlin. L’argomento è volutamente ironico e tagliente e nella stesura del libro l’attore si è divertito talmente tanto che ha pensato di farci uno spettacolo.

Un monologo di un’ora e mezzo che si snoda tra fatti realmente avvenuti in un intreccio tra sesso e religione. Le case chiuse vanno riaperte? Un dibattito che dura ormai da un secolo e che ancora oggi e’ di strettissima attualità. Bondi attraverso i suoi racconti un po’ storici un po’ surreali cercherà di portare lo spettatore in quei vicoli dove i postriboli pieni di donne e uomini avvinazzati erano uso e consuetudine. Non mancheranno citazioni e aneddoti che spiegano proprio quel modo di vivere e di pensare assolutamente anacronistico se pensiamo ai giorni nostri.

Bondi cerca nel suo spettacolo termini di confronto e paragone tra quel modus vivendi ed il nostro. Un esempio fra tanti il primo attore porno ufficiale nella storia, Bondi l’ha trovato e lo ha trasformato in un manga giapponese. Argomenti forti come religione e sesso, intrecciati a dovere con una buona dose di surrealità accompagneranno lo spettatore attraverso vari periodi storici e politici che hanno contrassegnato in maniera indelebile la nostara italia e non solo.

Ad aprire lo spettacolo sarà il comico livornese, Valerio Delfino, da anni presente sulla scena labronica che porterà per l’occasione un monologo sul tema del “pubblico meretricio”.

Ingresso: intero 12 euro, ridotto 10 euro.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*