Al Goldoni “I soliti ignoti”, per rivivere un classico della cinematografia italiana

Protagonisti tra gli altri Vinicio Marchioni e Massimo De Santis

i soliti ignoti al teatro goldoni
Gli attori Vinicio Marchioni e Massimo De Santis. Foto: Lanzetta-Capasso

LIVORNO – In principio fu il film diretto da Mario Monicelli e uscito nel 1958 che vinse due nastri d’argento e fu candidato agli Oscar come miglior film straniero, tra i protagonisti c’erano Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni e Totò. Il Teatro Goldoni ospita domani, 22 gennaio, una versione di “I soliti ignoti” alle ore 21. Protagonisti tra gli altri Vinicio Marchioni e Massimo De Santis.

i soliti ignoti al teatro goldoni
Foto: Lanzetta-Capasso

Diventato col tempo un classico imperdibile della cinematografia italiana e non solo, “I soliti ignoti” è ora una commedia divertente ed emozionante, grazie a un adattamento teatrale realizzato da Antonio Grosso e Pier Paolo Piciarelli fedele alla sceneggiatura di Age e Scarpelli, capace di rituffare lo spettatore nell’Italia povera ma vitale del secondo dopoguerra.

Una produzione realizzata dalla compagnia teatrale “Gli ipocriti”, che ha debuttato lo scorso dicembre ed è ora impegnata nella sua tournée nazionale, insieme a Marchioni e De Santis, saliranno sul palcoscenico Augusto Fornari, Salvatore Caruso, Vito Facciolla e Antonio Grosso per far rivivere le peripezie di personaggi indimenticabili come Peppe-Il Pantera, un pugile suonato che andava puntualmente al tappeto ad ogni incontro o Dante ex scassinatore a riposo che fu mirabilmente interpretato da Totò, che terminarono miseramente con la consumazione di piatti di pasta e ceci al posto del sospirato bottino del Monte di Pietà.

Prezzi: posto unico numerato intero 28 euro, ridotto 26 euro, giovani under 25 euro 16.
La biglietteria del Goldoni è aperta il martedì e giovedì ore 10-13 e il mercoledì, venerdì, sabato in orario 16.30-19.30; tel. 0586204290.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*