“A tavola nel medioevo: invenzioni, riti e ricette”

i partecipanti potranno familiarizzare con alimenti e preparazioni non più in uso.

Share

PRATO-  Parte la seconda tappa del percorso gastronomico alla scoperta del Medioevo attraverso i prodotti della tavola. Domani alle ore 18 si parlerà di alimentazione altomedievale: caratteristiche e peculiarità delle tavole e delle cucine dalla fine dell‘Impero Romano d’Occidente all’anno Mille. Evento in collaborazione con Historiaedita, ingresso libero.

“A tavola nel medioevo: invenzioni, riti e ricette” è un ciclo complessivo di cinque appuntamenti che mettono al centro il gusto, il cibo e la tavola nel Medioevo, un percorso gastronomico-culturale promosso dalle cooperative Chora e CoopCulture che rientra nel cartellone Prato Estate.

Nata dall’integrazione delle civiltà greco-romana e celtico-germanica la cucina altomedievale ha conosciuto un periodo di splendore qualitativo e quantitativo. Sulle tavole abbondava la carne, seppur consumata con modalità diverse a seconda delle diverse classi sociali, mentre la ricchezza del cibo consumato durante le riunioni conviviali era accompagnata dall’Ippocrasso, un vino speziato, valido aperitivo e digestivo. Di questo e di altro si parlerà durante la prima fase dell’incontro, con una introduzione sul contesto storico sociale dell’alimentazione a partire dalla fine dell’impero Romano d’Occidente e fino all’anno Mille. Successivamente i partecipanti potranno familiarizzare con le materie prime utilizzate nel passato e con alimenti e preparazioni non più in uso.

La rassegna prosegue giovedì 20 luglio alle ore 21.00 con un focus sull’alimentazione basso-medievale   È necessario prenotarsi al numero 0574 38207 entro le 13 del giorno precedente l’attività. 

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*