Taglio del nastro per “Fortezza in fiera”

Oggi dibattito sulla prevenzione. Domani il tema sarà il Gusto

Taglio del nastro
Share

LIVORNO – Con il taglio del nastro da parte dell’assessore alla cultura Francesco Belais, è partita ufficialmente, questa mattina, “Fortezza in fiera“, la manifestazione legata alla salute, al gusto e alla cultura. Dopo l’inaugurazione spazio al primo dibattito dedicato al tema della “prevenzione“.

         Un momento dell’intervento di Cosimi

A dare il via al seminario è stato Alessandro Cosimi, direttore del Coordinamento aziendale screening Azienda Usl Toscana Nord Ovest, che ha sottolineato l’importanza dei controlli per prevenire l’insorgenza di malattie degenerative che, secondo alcuni dati, nel 2050 rappresenteranno la prima causa di morte. “La Toscana – ha detto – ha tre punti di eccellenza: lo screening del colon dell’utero, quello della mammografia e quello del sangue occulto. Per quanto riguarda la mammografia, da settembre,  una volta all’anno, saranno inviate lettere alle donne tra i 45 e i 49 anni, e, due volte all’anno, per quelle dai 70 ai 74, per aumentare la prevenzione. E su tutti questi controlli, il paziente avrà la certezza della diagnosi entro 30 giorni“. Cosimi ha sottolineato poi l’importanza dei controllo dermatologici: “Questo anno ci sono stati 378 nuovi casi di melanoma a Livorno. La prevenzione – ha concluso – è insieme a una corretta alimentazione e al movimento, essenziale per una vita sana”.

                 L’intervento di Alberto Tomasi

Alberto Tomasi, direttore Igiene e Sanità pubblica Azienda Usl Toscana Nord Ovest, ha invece affrontato il delicato argomento delle vaccinazioni: “È molto importante vaccinare i bambini entro il primo anno di età – ha detto – perché il neonato ha una memoria immunologica più efficiente rispetto a un adulto è come quindi il vaccino è più efficace”. Ha poi parlato della presenza di alcuni vaccini che sono molto importanti per gli adulti: “Quello influenzale è fondamentale per i diabetici e non dimentichiamo che esiste un vaccino contro l’herpes zoster (fuoco di S. Antonio), malattia che colpisce soprattutto le persone oltre i 50 anni”. Anche il morbillo è stato al centro del discorso del dottore: in Toscana lo scorso anno il 20% non si è vaccinato e ci sono stati 2719 casi che hanno colpito ragazzi con un’età media di 27 anni.

Infine il seminario si è concluso con la prevenzione alimentare: “L’obiettivo della spesa moderna – ha detto Claudia D’Alessandro, biologa – è la rapidità sia nel preparare che ne consumare con il risultato che non si ha la sensazione di aver fatto un pasto se si è stati in piedi e la rapidità induce a non masticare bene e quindi a non sentirsi sazi”. Secondo alcune ricerche, la rapidità ha provocato negli italiani un aumento di acquisti del 18% di affettati, del 16% di prodotti già pronti e del 14% di derivati del pane e il risultato è che in Italia ci sono 13 milioni di persone obese.

“Fiera in festa” continuerà domani e tra gli appuntamenti più importanti ricordiamo alle ore 11 l’incontro sulla “Tavola e gli alimenti al tempo de’ Medici” e alle 18 il corso di degustazione dell’olio. Come cornice a tutto questo sono presenti in fortezza stand enogastonomici e di abbigliamento ed è possibile effettuare visite guidate della Fortezza e tour dei canali medicei (info. e prenotazioni 339.2814793)
L’ingresso è gratuito. Orario: 10-24.

Per il programma completo di domani, 2 giugno clicca qui

Valeria Cappelletti

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*