“Straborgo 2022”, presentato il programma: cinque giorni tra musica, arte di strada e mostre

Sul palco di piazza Mazzini: Tananai, Ditonellapiaga, Badabardò e Bobo

Da sn: Rocco Garufo, Luca Salvetti, Adriano Tramonti
Share

Pubblicato ore 18:30

  • di Valeria Cappelletti

LIVORNO – Bandabardò e Cisco, Tananai, Ditonellapiaga, Bobo Rondelli & Surrealistas, la Coppa Risi’atori, quattro concerti, un evento di sport, tradizione e cultura livornese.

Torna con la seconda edizione “Straborgo“, che si arricchisce di un giorno in più (dall’1 al 5 giugno), rispetto alla prima edizione andata in scena lo scorso anno con grande successo di pubblico. Anche stavolta centro della kermesse sarà piazza Mazzini e la zona di Porta a Mare.

La manifestazione, ideata da Fondazione LEM, con i concerti organizzati da Toto Barbato, vede la presenza di due artisti usciti dal Festival di Sanremo 2022 e divenute vere e proprie icone per i giovani. E sono infatti i giovani il target a cui punta “Straborgo”.

“Una manifestazione a cui teniamo in maniera particolare – ha detto il sindaco Luca Salvetti in conferenza stampa – e abbiamo scelto di proseguire sulla riga dello scorso anno visti i risultati e puntare ancora una volta sui giovani e  sulla valorizzazione del quartiere Borgo”.

Novità

Due le novità assolute di questa edizione: i concerti a ingresso gratuito con l’eliminazione delle sedie, quindi solo in piedi e le visite al faro di Livorno.

Viabilità

Importante sottolineare che per “Straborgo” dalle ore 19.45 (un po’ prima in occasione della Coppa Ris’iatori) il tratto di strada nei pressi di piazza Mazzini sarà interdetto al traffico (con l’unica eccezione dei residenti). Presto tutti i dettagli con i percorsi alternativi.

Porta a Mare e mostre

Non solo musica, “Straborgo” sarà anche arte di strada. Verrà coinvolta ancora Porta a Mare che offrirà una serie di spettacoli itineranti, con ingresso gratuito, che si svolgeranno la sera a partire dalle ore 21. Sono previste visite al faro con la presenza di due mostre di Marc e Federico Maria Sardelli e poi artisti di strada che gireranno per le vie del quartiere con le loro esibizioni.

“Questa manifestazione – ha detto Rocco Garufo, assessore al turismo e al commercio – rappresenta un’importante opportunità di promozione turistica della città, il nostro obiettivo è lavorare per creare sempre più un evento articolato e apprezzato da tutti”.

Ricordiamo poi che in concomitanza con “Straborgo”, l’1 e il 2 giugno, si svolgerà la “151 miglia“, la regata d’altura che partirà da Livorno per concludersi a Punta Ala.

Mercatini e giostre

Saranno presenti anche mercatini e giostre in piazza Mazzini, per questo gli operatori interessati a partecipare a “Straborgo” sono invitati a inviare, entro giovedì 19 maggio alle ore 12, una richiesta all’indirizzo amministrazione@fondazionelem.it”.

Ma entriamo nello specifico.

Il programma

“Straborgo” aprirà l’1 giugno con “Arte in strada” con i “Fratelli senza cervelli” (giocoleria e clown). Marco Buldrassi e Manolo Barontini (Compagnia Kalofèn Teatro) realizzeranno uno spettacolo itinerante e fisso tra le vie di Borgo Cappuccini.

Alle ore 21 a Porta a Mare si parte con il Teatrino di carta, una compagnia di teatro dei burattini che proporrà spettacoli rivolti alle famiglie. Ad accompagnare il pubblico anche lo spettacolo del duo Ariadna con monocicli e velocipedi.

La sera, alle ore 22.30, si parte con la musica, a salire sul palco di piazza Mazzini saranno Bandabardò e Cisco. La band, dopo la scomparsa del cantante Erriquez, che ha lasciato sconvolto tutto il mondo musicale, torna a suonare (prima data estiva, unica altra data antecedete quella a Firenze all’Ultravox) e sarà accompagnata da Cisco, voce storica dei Modena City Ramblers dal 1992 fino al 2005. Insieme presenteranno il disco di inediti “Non fa paura”, che celebra la musica come frutto di incontri e partecipazione.

Il 2 giugno si prosegue ancora con “Arte in strada”: Andrea Vanni in “Super! Super! Super!” spettacolo di giocoleria ed equilibrismo fisso, mentre Marco Monsieur Bislacco proporrà uno spettacolo itinerante; a Porta a Mare la parata di artisti di strada con esibizioni sui trampoli e spettacoli a terra.

Alle 22.30 arriva Tananai. Dopo l’esperienza del Festival di Sanremo e il suo “Sesso occasionale” che ha ottenuto il consenso del pubblico tanto da essere certificato disco d’oro con più di 14 milioni di strem, Alberto Cotta Ramusino (Tananai come lo chiamava suo nonno che in dialetto bolognese significa baccano, fracasso o pandemonio) fa tappa anche a Livorno.

Il 3 giugno il clown David Bianchi allieterà i presenti lungo le strade del quartiere insieme, ancora una volta, a Marco Monsieur Bislacco. La sera alle ore 21 a Porta a Mare arriva la Compagnia Lirica Livornese che si esibirà nello spettacolo “Saluti e baci”, varietà ridanciano ricordando l’Avanspettacolo.

Alle 22.30 inizierà il concerto di Ditonellapiaga (Margherita Carducci) cantante romana, anche lei reduce dall’entusiasmante esibizione al Festival di Sanremo con “Chimica” cantata insieme a Donatella Rettore. Margherita arriva a Livorno con il Camouflage Tour che ha raccolto il consenso di pubblico e critica.

Sabato 4 giugno tornano il clown David Bianchi, Marco Monsieur Bislacco. A Porta a Mare, spettacolo in “total white” cioè tutti gli artisti saranno vestiti di bianco con luci e coreografie di colore bianco e alle ore 18.30 presentazione del libro “Fari della Toscana e della Liguria” con la giornalista Elisabetta Arrighi e Biancamaria Monticelli.

Sul palco di piazza Mazzini arrivano Bobo Rondelli & Surrealistas che presenteranno un concerto travolgente, che confonde italiano e spagnolo, ritmi latini e humour labronico.

A chiudere il 5 giugno saranno i “Fratelli senza cervelli“; alle ore 19 la Coppa Ris’iatori con diretta su maxischermo e, a seguire, la cena di festeggiamento dei vincitori. A Porta a Mare, ore 21, lo spettacolo itinerante della Large Street Band, un gruppo di musicisti composto da 14 elementi e di grande impatto visivo.

Dopo tre miglia e 35 lunghi minuti di mare dalle Secche della Meloria al porto di Livorno, la Ris’iatori si conclude nella Darsena Nuova, antistante gli Scali Novi Lena, nel cuore di Borgo Cappuccini. “Novità di quest’anno – ha detto Adriano Tramonti del LEM – sarà l’uso di droni che seguiranno tutte le imbarcazioni durante la gara e la geolocalizzazione che permetterà di mostrare la distanza tra le barche, tutto in diretta sul maxischermo”.

Per l’intera durata della manifestazione sarà possibile ammirare la mostra permanente, arricchita di ulteriori immagini, “Bar Orione Borgo Cappuccini, la gente di un rione“. Una mostra fotografica stradale a cura di Stefano Pilato che raccoglie ben 150 immagini su 22 postazioni con didascalie in italiano e in inglese che raccontano il quartiere Borgo dagli anni Venti agli anni Cinquanta del Novecento. Le foto sono collocate tra via delle Navi (dove un proiettore rimanderà immagini su una parete di un edificio) e via degli Asili.

Dal 3 al 5 giugno sarà possibile visitare il faro dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 19 (con prenotazione gratuita su Eventbrite). A gruppi di 25 persone con ingresso ogni mezz’ora. Gli utenti potranno accedere dal cancello di ingresso dei cantieri Benetti di via Edda Fagni. Necessario presentarsi almeno 15 minuti prima della visita al gazebo dell’associazione Il mondo dei fari – ETS.

Ad arricchire la visita, ai primi tre piani del faro, è allestita la mostra di opere di Marc e Federico Maria Sardelli dal titolo “Sardelli: un cognome, due storie, una passione“. All’ultimo piano invece sarà allestita la mostra permanente del fotografo livornese Paolo Bonciani dal titolo “Obiettivo sul faro“. L’esposizione raccoglie una serie di scatti che l’artista realizzò quando la fotografia  era per lui una giovane passione e che dagli anni 50 arrivano fino ai giorni nostri.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*