Storia di emigrazione italiana con “La Turnàta” a Scenari di Quartiere

A causa del maltempo lo spettacolo sarà al Teatro Goldoni

Mario Perrotta
Share

Pubblicato ore 14:00

LIVORNO – Si intitola “La Turnàta” lo spettacolo di Scenari di Quartiere di quest’oggi, 27 settembre, alle ore 19. A ospitare questo nuovo appuntamento che vedrà protagonista l’attore Mario Perrotta, sarà il Teatro Goldoni, dato il maltempo non si svolgerà al Parco delle Mura Lorenesi a San Marco.

Perrotta è una delle voci di spicco della nuova drammaturgia italiana, il suo teatro è un racconto corale animato da molte voci, autentiche e fantastiche, vere e verosimili, fra le quali si nasconde la traccia autobiografica dell’artista.

L’attore leccese propone una storia di emigrazione italiana degli anni 60 e 70 che spiega così: “se sei emigrante la prima cosa che ti devi imparare è che nna enùta è solo nna enùta, mentre la turnàta è per sempre. Due termini per indicare la stessa cosa: il ritorno. Ma la differenza è fondamentale. Me l’hanno spiegata con parole semplici ma inequivocabili. Nna enùta (una venuta), è nna fesseria, il tempo di guardarsi attorno veloci, senza mettere a fuoco i luoghi e le facce, per ripartire subito e dimenticare. La turnàta, invece, è altra cosa, vuol dire che hai raggiunto l’obiettivo, ti sei sistemato, puoi mettere a fuoco, ricordare le facce e i luoghi perché ora stai per tornarci, definitivamente”.

Il luogo di ambientazione è la Svizzera dove la legge, sino al 2005, violando i più essenziali diritti umani, impediva, tra l’altro, ai lavoratori definiti “stagionali” di portare con loro moglie e figli. Per tutta risposta gli italiani nascondevano moglie e figli nel portabagagli e lì iniziava la loro storia di clandestini reclusi in casa per anni. Nino è un bambino di nove anni che non ha mai visto il mondo fuori da quella stanza in cui vive col nonno, la mamma e il papà. Ma la morte del nonno scatena un rocambolesco viaggio di ritorno al paese, su una fiammante Alfa Giulia 1300, con in macchina il padre, la madre, un operaio sindacalista e il nonno morto. Mentre il mondo è incollato al televisore per guardare lo sbarco sulla luna, si consuma questo ritorno “mitico” alla terra d’origine. Insomma una vera e propria avventura, un racconto in bilico tra dramma e commedia all’italiana.

Alle ore 17.30 confermato il tour dei quartieri con Fabrizio Ottone delle Guide Labroniche, alle ore 17.30 davanti al Teatro Goldoni.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*