Scenari di Quartiere presenta “Adotta un artista” e il teatro si fa in casa

Inziativa tutta nuova che partirà da marzo

nuove date
Share

LIVORNO – “Scenari di Quartiere“, la rassegna che porta il teatro nelle piazze e nei cortili della città, presenta l’iniziativa “Adotta un artista“. Dopo il grande successo dell’edizione 2018, “Scenari di Quartiere” apre ancora di più le sue porte alla città dando vita a un progetto che arriverà fino a primavera e vedrà coinvolti in una prima fase abitazioni private, e successivamente circoli, luoghi pubblici e scuole.

L’iniziativa “Adotta un artista” consiste nel cercare cittadini disponibili ad aprire le proprie case per spettacoli teatrali. Il progetto richiede la possibilità di ospitare almeno 20/30 persone per spettacolo che, come ogni evento di “Scenari di Quartiere”, sarà completamente gratuito. Da marzo alcuni artisti che sono stati selezionati, proveranno i loro nuovi spettacoli nelle case di chi avrà dato l’adesione.

Dove iscriversi

A gestire questa iniziativa sono i Quartieri Uniti Livorno che si occuperanno di tutte le adesioni. Chi vuole dare la propria disponibilità deve compilare il modulo. Per informazioni è possibile rivolgersi a Marinella Viscusi: 3485401314 – quartieriuniti@scenaridiquartiere.it.

Una volta data disponibilità verranno concordati dei brevi sopralluoghi per verificare la fattibilità dell’iniziativa e altre specifiche tecniche. La Fondazione Goldoni si occuperà di fornire sedie ed illuminazione laddove necessari. Già molte sono le adesioni, si cercando più abitazioni nei quartieri di: Venezia, Stazione, Borgo e Shangay. Maggiori informazioni nei prossimi giorni.

Giovani narratori

Verranno inoltre attivati dei laboratori teatrali per giovani narratori alla scoperta di nuove storie con il coinvolgimento degli abitanti dei quartieri.

Il nuovo progetto è a cura del Comune di Livorno e della Fondazione Teatro Goldoni in collaborazione con Quartieri Uniti Livorno, da un’idea di Marco Leone e Fabrizio Brandi, direzione artistica di Fabrizio Brandi.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*