“ScaliUrbani”, la rassegna internazionale sull’Architettura sbarca a Livorno

Dall'11 al 13 giugno con ospiti e tanti eventi

tour fortezza
Share

LIVORNO – Saranno tre giorni carichi di argomenti legati al mondo dell’Architettura con ospiti di prestigio quelli in Fortezza Vecchia dall’11 al 13 giugno in occasione della prima rassegna internazionale di Architettura promossa dal Comune di Livorno a cura dell’Ordine degli Architetti PPC di Livorno.

ScaliUrbani – Conversazioni di Architettura” è il titolo della rassegna che intende creare un dibattito per migliorare la qualità della vita negli spazi in cui ognuno di noi abita. L’avento, aperto a tutti, prevede tavole rotonde, proiezioni video, un concorso fotografico, un giro in battello lungo i fossi medicei, la visita al Museo della Città e la presenza di ospiti importanti.

“Stiamo portando avanti una politica professionale volta a valorizzare il ruolo dell’Architettura e dell’architetto – afferma l’architetto Daniele Menichini, Presidente dell’Ordine degli Architetti PPC di Livorno – In questo ambito nasce “ScaliUrbani”, un’iniziativa di interesse nazionale e internazionale per sensibilizzare la società civile sulla qualità dl progetto di Architettura, quindi sul ruolo dell’architetto all’interno della società civile e per creare una domanda di Architettura. Tutti, pertanto, sono inviati in Fortezza Vecchia dall’11 al 13 giugno: partecipare è importante per capire come funziona questo mondo che a volte può sembrare distaccato dalla quotidianità della società civile, mentre invece l’architetto è sempre stato uno dei fondamentali attori per lo sviluppo sociale, economico e culturale delle città e dell’abitare, quindi confrontarsi con questo mondo ad una scala diversa può essere per tutti un’occasione interessante. Nei tre giorni della rassegna – continua Menichini – porteremo a Livorno qua delle esperienze di livello internazionale con studi e architetti conosciuti sia dai professionisti che dalla società civile.

Gli ospiti

L’11 giugno prenderà parte alla rassegna Jan Kinkker in rappresentanza dello Studio MVRDV di Rotterdam, uno dei più importanti studi di Architettura nel panorama internazionale; il 12 giugno sarà la volta di Mikkel Bøgh dello studio Effekt di Copenaghen; il 13 giugno ci sarà Vincenzo Latina vincitore della Medaglia d’Oro all’Architettura 2012.

Nome e logo

Il nome e il logo della rassegna sono frutto di un bando lanciato dagli organizzatori e aperto a tutti gli Architetti d’Italia proprio perché il confronto sul tema dell’Architettura fosse il più ampio e aperto possibile e investisse un’intera comunità di professionisti. A vincere è stato l’arch. Stefano Passamonti, iscritto all’Ordine di Milano, con il suo slogan “ScaliUrbani”, nato giocando sulle parole scalo, Livorno e urbano, abbinate alla grafica che richiama i bastioni delle celebri fortificazioni della città.

Il programma

Martedì 11 giugno alle 14.30 registrazione dei partecipanti, alle ore 15 inaugurazione dell’evento con i saluti istituzionali. Ore 15.30 prima tavola rotonda, intitolata “Preservare l’Architettura, Opere ed archivi”, con proiezione del cortometraggio “La Balena nel Bosco”. Coffee break alle 17 nella Partner’s Gallery, quindi si ripartirà alle 17.30 con la lecture (in lingua inglese) del primo ospite in rassegna: è lo Studio MVRDV di Rotterdam con Jan Knikker. Chiusura di giornata con il giro in battello dei Fossi Medicei in programma alle 19.30.

Mercoledì 12 giugno apertura alle ore 9 e prima tavola rotonda alle 9.30, dal tema “Concorso di Architettura, Garanzia della Qualità”, con proiezione del video “L’architettura rinnova le città nel tempo”. Alle 11 il partner’s speech di MEF, quindi alle 12 la lecture di Tam Associati, alla presenza di Simone Sfriso. Questo Studio di Architettura ha sede a Venezia e, con il motto “Taking care in Architecture”, progetta, costruisce e racconta l’architettura piccola e grande con valori sociali, sostenibili e semplici in tutto il mondo.

Al light lunch delle 13.30 nella Partner’s Gallery seguirà alle 14.30 la lecture dello studio Set Architects con Onorato Di Manno. Giovane studio con sede a Roma, Set Architects crede in un’architettura essenziale rivolta alle forme archetipe per immaginare gli scenari futuri. La semplicità è il tema chiave dell’intero processo creativo, dall’idea astratta alla soluzione di design come risposta alla complessità del programma funzionale.

Tavola rotonda delle ore 16: il focus è “Città del futuro, visioni e strategie di sviluppo”, sostenuto anche dalla proiezione del filmato “Una città possibile, un nuovo paradigma urbano”. Lo studio Effekt di Copenaghen sarà protagonista della lecture (in lingua inglese) in programma alle 17.30 con Mikkel Bøgh. L’architettura e l’urbanistica significano creare un impatto positivo e duraturo su ciò che ci circonda e sul nostro pianeta. Per concludere la seconda giornata di “ScaliUrbani”, visita guidata del Museo della Città alle 19.30.

Giovedì 13 giugno, tavola rotonda delle 9.30, dal titolo “Qualità del progetto, la domanda di Architettura”. Alle 11 il partner’s speech di Arredoline, quindi alle 12 la lecture di Vincenzo Latina: viene da Siracusa e ha vinto la Medaglia d’Oro all’Architettura 2012, grazie al progetto del Padiglione di accesso agli scavi dell’Artemision di Siracusa ultimato nel 2011.

La Partner’s Gallery ospiterà il light lunch delle 13.30; lecture delle 14.30, a cura di Tomas Ghisellini, ospite da Ferrara, sede di un Atelier che riserva particolare attenzione allo studio dei rapporti tra progetto e città contemporanea, curando la definizione di una nuova “etica” dell’architettura. L’ultima tavola rotonda della rassegna comincerà alle 16 e tratterà di “Porto in città, architettura del waterfront”, con annessa presentazione del secondo numero di “Largo Duomo”, rivista dell’Ordine degli Architetti PPC di Livorno. Nerma Linsberger (da Vienna) condurrà la lecture delle 17.30 (in lingua inglese). La 1° edizione si concluderà con un aperitivo nella quadratura della Fortezza Vecchia.

Concorso fotografico

“ScaliUrbani” ha lanciato il concorso di fotografia “L’Alfabeto nell’Architettura” cioè raccontare l’Architettura che raffigura lettere dell’alfabeto attraverso le loro composizioni, inserimenti nel contesto urbano, paesaggi, ombre. La partecipazione è gratuita e aperta ad architetti, creativi, fotografi e artisti. C’è tempo fino alla mezzanotte di domenica 2 giugno per partecipare inviando una mail con il materiale fotografico relativo al soggetto scelto e la scheda di iscrizione all’indirizzo di posta elettronica scaliurbani.oappc.li@gmail.com.

Si può mandare da un minimo di una a un massimo di tre immagini. Una giuria di qualità premierà gli scatti più originali e completamente inediti che saranno più attinenti al tema indicato. Il primo classificato vincerà la somma di 500 euro; sono previste eventuali menzioni speciali a ulteriori autori meritevoli. Non solo: i risultati del concorso saranno oggetto di una video mostra che si terrà nei giorni della rassegna e in altre eventuali successive. La premiazione del vincitore del concorso avverrà durante la rassegna in Fortezza Vecchia, precisamente il 13 giugno 2019.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*