Roma. L’Inno di Mameli: storia, origine e significato

Incontro sabato 13 a Roma

inno di mameli
Share

ROMA – “L’Italia s’è desta… Origine, storia e significato del Canto degli italiani” è il titolo dell’incontro che si svolgerà sabato 13 alle ore 16.00 presso il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina di Roma. L’evento ha l’obiettivo di approfondire alcuni temi legati al Risorgimento italiano sottolineando l’importante contributo che la musica ha dato alle vicende che hanno segnato le tappe della costruzione della nazione.

“Il Canto degli Italiani”, così si chiama l’inno scritto da Goffredo Mameli nell’autunno del 1847, e subito musicato dal maestro Michele Novaro, esordì il 10 dicembre di quello stesso anno, sul piazzale del Santuario di N.S. di Loreto in Oregina a Genova. Quello che sarebbe divenuto l’inno dello stato repubblicano fu intonato, per la prima volta nella storia, da migliaia di persone insieme al suo autore in un’occasione storica, il centenario della cacciata degli austriaci da Genova. Era un inno repubblicano che non si rivolgeva ai sovrani ma metteva in evidenza episodi storici il cui protagonista era il popolo.

Interverranno all’incontro Franco Tamassia, già dirigente del Ministero della Pubblica Istruzione, professore di Diritto Pubblico a riposo, e Direttore dell’Istituto Internazionale di Studi “Giuseppe Garibaldi”; Mara Minasi, funzionario direttivo della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è responsabile sin dalla sua istituzione nel 2011 del Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina.

Dove: Largo di porta S. Pancrazio, 9 (00153 – Roma).
Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Info: 060608 (tutti i giorni ore 9:00 – 19:00).

A cura della redazione

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*