Roma. Canaletto in mostra: 42 dipinti, alcuni mai esposti in Italia

Un percorso espositivo suddiviso in otto sezioni

canaletto
La Torre dell’Orologio in Piazza San Marco, The Nelson Atkins Museum of Art, Kansas City

ROMA – In mostra fino al 19 agosto 42 dipinti del pittore veneziano Canaletto, il più grande nucleo di opere mai esposto in Italia. Luogo dell’esposizione dal titolo “Canaletto 1697-1768” è il Museo di Roma Palazzo Braschi a Piazza Navona.

I dipinti esposti

Tra i capolavori in mostra il dipinto “Bucintoro di ritorno al Molo il giorno dell’Ascensione” del Museo Pushkin, due opere della Pinacoteca Gianni e Marella Agnelli di Torino ovvero “Il Canal Grande da nord, verso il ponte di Rialto“, e “Il Canal Grande con Santa Maria della Carità“, esposti per la prima volta assieme al manoscritto della Biblioteca Statale di Lucca che ne illustra le circostanze della commissione e della realizzazione. Una sala presenta alcuni prestiti eccezionali, dal museo di Cincinnati e da collezioni private, dedicati alle vedute di Roma.

Tra i dipinti, alcuni dei quali esposti per la prima volta in Italia, vanno menzionate le due parti di un’unica, ampia tela, raffigurante “Chelsea da Battersea Reach“, tagliata prima del 1802 e riunita in questa mostra per la prima volta. La parte sinistra proviene da Blickling Hall, National Trust, Regno Unito, quella destra dal Museo Nacional De Bellas Artes de la Habana, eccezionalmente concessa in prestito dal governo cubano.

Accanto ai dipinti sono esposti 9 disegni, dai piccoli studi preparatori ai magnifici fogli di ampie dimensioni accuratamente rifiniti e destinati ai più raffinati collezionisti o a essere incisi, come L’incoronazione del doge sulla Scala dei Giganti, della serie delle Solennità dogali, concesso in prestito da Jean-Luc Baroni Ltd. di Londra.

Il percorso espositivo

Si snoda attraverso otto sezioni che raccontano il suo rapporto con il teatro, il capriccio archeologico ispirato alle rovine dell’antica Roma, i primi successi a Venezia, gli anni d’oro, il rapporto con i suoi collaboratori e l’atelier e la presenza del nipote Bernardo Bellotto (con alcuni precisi confronti tra le versioni del maestro e dell’allievo della stessa veduta), le vedute di Roma e dell’Inghilterra, gli ultimi fuochi d’artificio al ritorno a Venezia. Completano il percorso espositivo alcuni documenti dell’Archivio di Stato di Venezia.

Visite guidate e biglietti

La mostra è accompagnata da un ciclo di visite guidate gratuite per le scuole di Roma e della città metropolitana e da una serie di attività didattiche a pagamento per il pubblico non scolastico secondo questo calendario: sabato 14 aprile ore 16.30; sabato 28 aprile ore 17; venerdì 4 maggio ore 17; sabato 12 maggio ore 11; domenica 27 maggio ore 11; domenica 3 giugno ore 11; venerdì 8 giugno ore 17; domenica 17 giugno ore 17; giovedì 21 giugno ore 17; venerdì 6 luglio ore 17; sabato 14 luglio ore 11; venerdì 20 luglio ore 17; domenica 5 agosto ore 11.

Biglietto d’ingresso “solo Mostra”: 11 euro intero, 9 euro ridotto, 4 euro biglietto speciale scuola ad alunno (ingresso gratuito ad un docente accompagnatore ogni 10 alunni); 22 euro biglietto “solo Mostra” speciale Famiglie (2 adulti più figli al di sotto dei 18 anni). Acquisto on line intero 11 euro + 1 euro di prevendita. Per l’acquisto online e per le altre tipologie di biglietto clicca qui.

Info e prenotazioni allo 060608.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*