Ricchezza melodica e gioia nei due capolavori di Beethoven in concerto al Teatro Goldoni

Composizioni tra le più amate e ammirate dal pubblico

Il direttore d'orchestra Gerardo Estrada Martinez
Share

Pubblicato ore 14:00

LIVORNO – Due capolavori assoluti di Ludwig van Beethoven animeranno il concerto sinfonico che l’Orchestra del Teatro Goldoni terrà sabato 29 gennaio alle ore 21 nell’omonimo teatro: l’affascinante Concerto in re magg. per violino e orchestra op. 61, una delle composizioni più amate e ammirate dai pubblici di tutto il mondo, e la smagliante Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92.

Il Concerto op. 61 è un’opera affascinante ed estremamente coinvolgente per l’ascoltatore, per ricchezza melodica e per la prodigiosa unione e complicità nel dialogo musicale tra solista e orchestra dove emerge con forza il lirismo dello strumento, le espressioni cantabili e le suggestioni dei momenti virtuosistici, elementi che saranno esaltati nell’interpretazione di un violinista d’eccezione quale Salvatore Quaranta.

Seguirà la Settima sinfonia di Beethoven che rappresenta l’idea di armonia, di «gioia», che attraverso Beethoven arriva a conquistare gli ascoltatori. Sul podio il direttore principale dell’Orchestra del Goldoni, il venezuelano Gerardo Estrada Martínez.

Biglietti e informazioni

Biglietti disponibili presso il botteghino del Goldoni giovedì ore 10/13, mercoledì, venerdì e sabato ore 16.30/19.30 e online sul sito del Teatro e su ticketone. Prezzi: € 10 platea, € 5 under 25. Si ricorda che per accedere in Teatro è necessario il green pass rinforzato ed indossare la mascherina ffp2.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*