Rassegna cinema in Goldonetta con il film “La vita che verrà”

L'iniziativa fa parte della 16esima rassegna “Cinema è… let’s start again!”

Share

Pubblicato ore 12:00

LIVORNO – Nuovo appuntamento questa sera, 8 febbraio, ore 21, per gli amanti del cinema con la proiezione del film “La vita che verrà” in Goldonetta. L’iniziativa fa parte della 16esima rassegna di cinema “Cinema è… let’s start again!”.

Trama. “La vita che verrà”, di Phyllida Lloyd, regista di “Mamma mia!”, racconta la storia di Sandra, una giovane donna e madre, che cerca di fuggire da un marito violento. Come se non bastasse si ritrova a lottare anche contro un sistema abitativo corrotto, che non le permette di mantenere un alloggio stabile e adatto ai suoi figli. La società su cui credeva di poter contare sembra non aiutarla affatto e, dopo anni trascorsi a subire, ora che finalmente ha trovato il coraggio di cambiare la sua vita, sembra impossibilitata a farlo. È così che Sandra decide che è giunto il momento di costruirsi da sola una casa, un nido per lei e le sue bambine, nel quale quest’ultime possano sentirsi protette e spensierate. Mentre si barcamena tra fondamenta e muri, la donna avrà modo di riscoprirsi e, aiutata da un gruppo di nuovi amici, Sandra inizierà al contempo a ricostruire anche la sua vita pezzo dopo pezzo, sicura che sarà migliore di quella vissuta finora.

La rassegna è organizzata dagli Amici del Cinema La Goldonetta in collaborazione con Fondazione Teatro Goldoni e Amici del Teatro Goldoni.

Per accedere alla Rassegna è necessario essere soci di una delle due associazioni: Amici Teatro Goldoni o Associazione Amici del Cinema “La Goldonetta”. L’iscrizione può essere effettuata presso il negozio Antichità “Il Quadrifoglio” – via Mayer 63/a – tel. 0586 883544. Costi iscrizione: Amici del Cinema La Goldonetta € 30,00 /Amici del Teatro Goldoni € 40,00. Le tessere hanno validità annuale.

L’accesso alle proiezioni è consentito solo a coloro in possesso di Green Pass ed è necessario indossare la mascherina FFP2 all’interno della sala.

© Vietata la riproduzione

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. I campi con asterisco sono obbligatori


*